Home / Tasse e tributi / Codice tributo 3813: cos’è e come si usa

Codice tributo 3813: cos’è e come si usa

Codice tributo 3813

Quando si parla di codice tributo 3813 si entra nel campo dell’Irap, che altro non è che l’imposta regionale per le attività produttive.

Si tratta, nello specifico, di una tassa che ogni contribuente che ha un’attività produttiva è obbligato a pagare alla Regione a cui fa capo e questo avviene, come sempre quando si tratta di tributi, attraverso il modello F24.

Nello specifico, il codice in questione si utilizza nella sezione regioni, dato che a questo ente deve essere indirizzato il tributo specifico.

Codice Tributo 3813: qualche nozione

Se si entra nello specifico, si deve sottolineare che per il pagamento dell’Irap ci sono diversi codici tributo. Questo perché possono configurarsi diverse situazioni che richiedono, quindi, diversi codici.

 

 

Possiamo quindi dire che i codici di tributo che si riferiscono a questa specifica imposta sono i seguenti: 3800, codice tributo 3812 e 3813.

Andando ad analizzarli uno per uno, dobbiamo sottolineare che il codice tributo 3800 va a indicare il saldo dell’Irap; il codice 3812 va a indicare quello che è definito come acconto Irap o il versamento della prima rata della tassa in questione e, infine, il codice 3813, che è quello preso in esame, va a indicare l’acconto della seconda rata o anche l’acconto Irap in una sola soluzione.

Non si possono non citare i codici tributo per il ravvedimento operoso, che sono il 1992, per il versamento degli interessi, e l’8907, che serve invece per il pagamento delle sanzioni.

Come utilizzare il codice tributo 3813

Come detto, l’Irap può essere pagata sia in un’unica soluzione, da pagare alla fine dell’anno, sia in due diverse rate semestrali. In questo specifico caso, quindi, andranno a essere compilati due moduli F24, dato che uno deve essere presentato a 6 mesi di distanza dall’altro.

Si deve fare attenzione che il tutto venga compilato bene e in tutte le parti, altrimenti si rischia di incorrere in sanzioni. Sia nel primo che nel secondo caso, si deve fare riferimento al codice tributo 3813, dato che si tratta sempre di un acconto.

 

 

Concludiamo facendo notare che la prima rata consiste nel pagamento del 40% della somma totale che si deve pagare entro la data prevista per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Invece, la seconda rata, che comprende il rimanente 60% della somma che si deve pagare, deve essere versata entro e non oltre il 20 novembre o, comunque, entro l’undicesimo mese di quello che è il periodo d’imposta.

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *