Home / Tasse e tributi / Codice Tributo 3691: la tassa della Tasi

Codice Tributo 3691: la tassa della Tasi

Codice tributo TASI

 

Iniziamo con lo specificare che il codice tributo per il pagamento della TASI è il 3691. Si deve altresì sottolineare che la TASI è la tassa sulla seconda casa e, nello specifico, è la tassa sui costi dei servizi indivisibili del Comune.

Questo codice tributo, quindi, si deve utilizzare nel caso in cui si debba pagare la tassa sulla seconda casa o su altri immobili. La TASI può essere rateizzata o pagata in una sola soluzione.

Prima di procedere, ricordiamo anche che la scadenza per pagare l’acconto della tassa sui servizi indivisibili è stata fissata, per il 2016, al 16 giugno.

Chi paga la TASI?

Per capire a chi è rivolta questa tassa sui servizi indivisibili che vengono forniti dai vari comuni di residenza, si devono fare delle specificazioni.

 

 

Questa tassa è finalizzata al pagamento di taluni servizi di primaria importanza come, ad esempio, l’illuminazione stradale, la presenza di giardini e parchi, asili, scuole. Va da sé che paga la tassa sia chi è in possesso di una casa che chi ne ha in affitto una.

Nello specifico, in base a quanto sancito dalla Legge di Stabilità 2016, devono pagare la TASI tutti coloro che hanno una prima casa di lusso, tutti coloro i quali hanno una seconda casa e tutti coloro i quali sono in possesso di fabbricati rurali ad uso strumentale, tutti coloro i quali hanno dei fabbricati che sono stati dall’impresa costruttrice alla vendita ma non ancora venduti e locati, tutti coloro i quali hanno un immobile in affitto.

In questo ultimo caso, si devono fare delle ulteriori specificazioni: se l’immobile è detenuto da un soggetto diverso dal proprietario o dal titolare del diritto reale, la TASI è dovuta dal detentore nella misura del 10% del totale, mentre la restante parte è a carico di chi possiede l’immobile.

Attenzione, però, perché suddette percentuali sono a discrezione del comune di appartenenza e, pertanto, è indispensabile informarsi prima del pagamento della tassa stessa.

Calcolo della TASI

A questo punto, ci si deve chiedere in che modo si calcola la TASI. Prendendo in analisi il 2016, possiamo dire che il calcolo di suddetta tassa è uguale a quello che c’è alla base dell’IMU.

 

 

Quindi, si deve andare a rivalutare la rendita catastale del 5% e si deve moltiplicare il tutto per il coefficiente, che viene indicato in base a quella che è la categoria dell’immobile. Al risultato che si ottiene si deve, poi, applicare l’aliquota TASI che viene decisa dal Comune in cui si trova l’immobile in questione.

Da qui si capisce che l’aliquota, che deve essere applicata per determinare l’importo dell’imposta che i contribuenti ed enti pubblici devono versare, varia in base a quello che è il comune di residenza. Si deve ricordare che la giunta comunale ha un margine decisionale e che può decidere di aumentare l’aliquota per le seconde case e altri immobili, anche se non si può andare oltre l’11,4 per mille, ossia, il 10,6 per mille + 0,8 di maggiorazione Tasi.

Leggi anche:

Codice tributo 1713

Codice tributo 3944

E’ anche importante sapere che l’importo in acconto è pari al 50% della somma totale e che il rimanente 50% deve essere pagato entro il 16 dicembre 2016.

Codici tributo TASI 2016

Analizziamo, quindi, quelli che sono i codici tributo per il pagamento della TASI. Stando a quanto sancito dalla direttiva n. 46/E del 24 aprile 2014, l’Agenzia delle Entrate ha istituito alcuni nuovi codici tributo, che devono essere utilizzati nella compilazione del modello F24 per il versamento della TASI. Nello specifico, i codici sono i seguenti:

  • 3958 per la TASI su prima casa e relative pertinenze
  • 3959 per la TASI sui fabbricati rurali ad uso strumentale
  • 3960 per la TASI sulle aree fabbricabili
  • 3961 per la TASI su tutti gli altri immobili.
 

 

Si deve anche sottolineare che, nel caso in cui ci debba essere un ravvedimento da parte del contribuente, o nel caso in cui ci si trovi dinanzi a un versamento insufficiente, scoperto in seguito a un controllo, ci sono delle sanzioni e degli interessi da pagare, che possono essere versati assieme all’imposta ma con diversi codici tributo che sono i seguenti:

  • 3962 per gli interessi
  • 3963 per le sanzioni.

Dato che ci sono delle sanzioni, consigliamo vivamente di rispettare le scadenze previste dalla legge.

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *