Finanziamenti Ikea, come acquistare i mobili fai da te a rate

finanziamenti ikeaDa quando il brand è arrivato anche nel nostro paese, moltissime sono le domande sulle possibilità di richiedere dei finanziamenti Ikea per l’acquisto di mobili per la casa e non solo.

Si tratta, infatti, di prodotti di qualità che vengono venduti a dei prezzi abbastanza concorrenziali e, proprio per questo motivo, spesso si decide di acquistare tutto quello che è necessario per arredare la propria abitazione, il proprio ufficio, il proprio negozio.

[ads1]

In questi casi, quindi, le cifre spese diventano importanti e, pertanto, si può pensare di accedere a quelli che sono i finanziamenti Ikea per ottenere la rateizzazione dell’importo totale. Vediamo, però, quali sono le condizioni e come richiederli.

Finanziamenti Ikea 2017: tutto quello che c’è da sapere

Se si desidera acquistare qualche mobile e si vuole ottenere una linea di credito con un pagamento agevolato, allora l’argomento specifico può interessare non poco. Ecco tutto quello che si deve sapere prima di decidere se chiedere, o meno, un finanziamento Ikea. Quali sono i termini, quali le condizioni? Facciamo un po’ di chiarezza.

La prima cosa da dire in merito a questo argomento, che merita di essere approfondito, è che a partire da quest’anno è possibile usufruire della possibilità di richiedere un finanziamento anche nel caso in cui si procede con l’acquisto di una cucina tramite il servizio di consulenza online.

[ads2]

Questo significa che, dopo anni, non sarà più necessario acquistare direttamente in un negozio fisico per poter usufruire del finanziamento.

Si deve altresì sottolineare che Ikea si appoggia a Findomestic, nota finanziaria, tra le più conosciute e affidabili che ci siano nel nostro paese.

Questo significa che sarà possibile ottenere dei tassi molto vantaggiosi e una dilazione del pagamento capace di andare incontro a tutte le esigenze del cliente che acquista i propri mobili presso gli store del brand.

Al momento in cui si scrive, sul sito ufficiale Ikea viene data la possibilità di usufruire, dal 1 settembre 2017 al 26 novembre 2017, di un nuovo finanziamento a tasso zero per tutti gli acquisti effettuati.

Quali sono le condizioni? TAN e TAEG 0%. Come sempre, sul sito stesso è possibile effettuare la simulazione di finanziamento, in modo tale da capire a cosa si va incontro. Inoltre, grazie al programma Formula Giovani, se si ha un’eta compresa tra 18 e 34 anni, è possibile finanziare i propri acquisti anche nel caso in cui si abbia un contratto a termine. 

Questa è una condizione speciale, pensata per agevolare anche i ragazzi più giovani, che desiderano acquistare dei mobili per la propria casa. Anche in questo specifico caso, il comodo simulatore è lo strumento ideale per avere la situazione chiara prima di effettuare acquisti e domanda di finanziamento.

E’ utile accedere ai finanziamenti Ikea?

La risposta a questa domanda è senza dubbio affermativa. Se si ha bisogno di una rateizzazione per l’acquisto dei mobili della propria casa, i finanziamenti Ikea sono, senza dubbio alcuno, una valida soluzione per non rinunciare al proprio sogno, o per far fronte a una necessità impellente.

Molto valido soprattutto il programma pensato per aiutare anche i più giovani, che spesso possono avere delle difficoltà economiche, legate magari all’insicurezza contrattuale.

Naturalmente, come sempre il consiglio è quello di comparare i vari finanziamenti. Sono tante le finanziarie e altrettante sono le proposte che fanno. Trovare quella più consona alle proprie esigenze è la strada migliore per avere quello che si desidera, al prezzo che si desidera e alle migliori condizioni possibili.

In questo caso, fino a quasi la fine del 2017, Ikea propone un finanziamento agevolato a tasso zero e, pertanto, è preferibile scegliere di aprire la linea di credito proprio con Findomestic, ente a cui si appoggia il gruppo.

In questo modo si avrà la strada spianata per l’accettazione della domanda e si potrà, al tempo stesso, aderire alle ottime condizioni proposte.

[ads2]

Con questo programma, il noto brand svedese vuole dare ai propri clienti la possibilità di fare degli acquisti desiderati che, altrimenti, potrebbero essere difficoltosi dal punto di vista economico. Sfogliando il catalogo di Ikea si trovano così tante idee per rinnovare l’arredamento della propria casa e così tante offerte che non coglierle sarebbe un peccato.

Quinto Subito: cos’è e come funziona lo strumento di cessione del quinto

Quinto subito recensione

Quinto Subito è uno strumento molto utile per chi ricerca la cessione del quinto che più si confà alle proprie esigenze.

Si tratta, nello specifico, di un comparatore, che permette di mettere a confronto diverse proposte di diversi enti creditizi, in modo tale da trovare quello che maggiormente fa al caso proprio.

In questo modo, richiedere la cessione del quinto e ottenere le condizioni più vantaggiose può essere estremamente semplice.

[ads1]

Quinto Subito: come funziona?

Chi non vorrebbe trovare il mutuo dei propri sogni e con delle condizioni vantaggiose con pochi click? Potrebbe sembrare utopico, dato che quella dei mutui sembra essere una vera e propria giungla eppure, ve lo assicuriamo, così non è.

Per facilitare il compito, infatti, è sufficiente utilizzare tutti gli strumenti che si possono avere a propria disposizione e tra questi ci sono di certo di comparatori, che sempre più spesso aiutano nella scelta del servizio.

Questo vale anche nel caso della cessione del quinto: con Quinto Subito, infatti, si potranno comparare varie offerte e trovare immediatamente quella più adatta alle proprie esigenze.

Quello che rende questo servizio differente da molti altri e che lo ha fatto diventare uno dei più utilizzati in assoluto è la relativa semplicità di utilizzo: il sito, infatti, ha una interfaccia assolutamente user friendly, che può essere agevolmente utilizzata da chiunque con ottimi risultati.

[ads2]

Proprio per questo motivo, moltissimi soggetti che vogliono accendere un mutuo, utilizzando la cessione del quinto come strumento di rimborso, si rivolgono a questo comparatore online di altissimo livello.

Ma come funziona nello specifico? In poche parole, sulla piattaforma approdano tutti coloro i quali sono alla ricerca del mutuo perfetto e, inserendo tutti i dati richiesti, riescono a venire a conoscenza di tutte quelle che sono le offerte sul mercato.

Ideale, quindi, per chi desidera risparmiare tempo, ma non perdere nessuna occasione. Tutte le migliori offerte sul mercato vengono indicate e si può decidere di quale usufruire.

Tutto quello che serve per utilizzare Quinto Subito

Su questa specifica piattaforma, domanda e offerta si incontrano e, in questo modo, chi offre e chi vuole richiedere una linea di credito si interfacciano. A conti fatti, questo comparatore ha funzione informativa e di confronto  e il fatto che sia di facile utilizzo è un grande punto a favore.

Il cliente deve indicare la somma che vorrebbe richiedere e si troverà a compilare un form con una serie di dati da inserire, in modo tale da ottimizzare al meglio la ricerca che si andrà a eseguire.

Dopo aver cliccato sul tasto Invio, il comparatore si mette in moto, cercando le cinque migliori proposte trovate e i relativi preventivi. Va da sé che le condizioni variano in base a quelle che sono le esigenze del cliente, ma si tratta sempre delle offerte più vantaggiose presenti sul mercato, tra le quali scegliere quella più vicina ai propri bisogni.

Verranno chiaramente specificate tutte le condizioni che ciascuna banca o ciascun ente creditizio applica e, se lo si desidera, si può andare anche a scoprire quella che è la reputazione dei vari operatori.

In questo modo, sarà semplice non solo individuare l’offerta migliore, ma anche andare a interfacciarsi con l’operatore più affidabile e con il quale è possibile instaurare un rapporto di reciproca fiducia. Grazie a Quinto Subito, quindi, la strada verso l’ottenimento di un mutuo con cessione del quinto è spianata e non rimarrà altro da fare che contattare l’operatore e aderire all’offerta inviando la documentazione richiesta o recandosi direttamente in una delle filiali fisiche.

Dopo aver individuato l’operatore e firmato il contratto, la somma richiesta verrà trasferita al soggetto richiedente in tempi molto brevi e tutto questo grazie all’intercessione di Quinto Subito.

Quinto Subito: conviene?

La risposta è assolutamente sì! Si tratta di una piattaforma che, come abbiamo visto, è semplice da utilizzare e che può essere sfruttata a proprio vantaggio.

Chi utilizza Quinto Subito, infatti, ha immediatamente accesso alle cinque migliori offerte per la sua situazione specifica e, in pochissimo tempo, può vedere la somma di cui necessita accreditata sul proprio conto. Un vantaggio non da poco che chi ha bisogno di un mutuo sa apprezzare.

A questo punto, ci si deve chiedere quale sia il costo del servizio in questione.

[ads2]

Possiamo dire che sono gratuiti sia la richiesta di preventivo che la fase di consultazione degli stessi, la scelta dell’offerta e l’incontro con l’ente prescelto, nonché la conclusione della pratica. Cosa si potrebbe volere di più da un servizio del genere, che si dimostra al 100% al servizio dell’utente che ha bisogno di un mutuo?

Prestito Compass: la nostra recensione

Recensione Prestito Compass

 

Compass è una società appartenente al Gruppo Mediobanca che permette l’erogazione di diversi tipi di prestiti ai propri clienti, garantendo delle offerte vantaggiose ed assolutamente personalizzabili. Qui di seguito analizzeremo i migliori prestiti Compass, parlando in particolar modo dei loro vantaggi.

Chi può ottenere un prestito Compass?

Il prestito personale Compass può essere richiesto da tutti i cittadini residenti in Italia con un’età compresa tra i 18 ed i 70 anni, per gli stranieri è richiesta la residenza da almeno 1 anno in Italia.

Per ottenere il prestito è necessario avere un documento di identità in corso di validità, codice fiscale, un documento che attesti il reddito come ad esempio la busta paga o la pensione.

[ads1]

Quali sono i tipi di prestito offerti da Compass?

Easy Classic è un tipo di prestito che prevede una rata costante per tutto il periodo del rimborso, senza alcuna opzione di modifica. All’offerta base, è possibile aggiungere una serie di variabili, ad esempio l’opzione Change che permette di variare il costo della rata fino ad un massimo di 5 volte durante tutto il periodo di rimborso, Jump che permette di saltare il pagamento di una rata o Flex, in cui sono disponibili entrambe le opzioni aggiuntive.

Total Flex è un prestito che come dal nome stesso si evince, è completamente flessibile. Questo permette di adattare il prestito alla propria situazione, potendo anche modificare nel corso del tempo il proprio piano di rimborso. Grazie a questo è possibile decidere di diminuire l’importo della rata mensile o allungare i tempi di rimborso, saltare qualche rata o pagare in ritardo o estinguere il tutto anticipatamente, senza alcun costo aggiuntivo. L’importo massimo che è possibile richiedere è di 30.000 euro.

Richiedi Adesso un Prestito Compass!

Cifra Tonda permette di restituire il proprio prestito con una rata mensile formata da una cifra in cui sono compresi anche tutti i vari costi. L’importo della rata può essere scelto in base alle proprie necessità e rimane fisso per l’intera durata del rimborso. E’ possibile richiedere un massimo di 20.000 euro, mentre la rata minima è di 99 euro.

[ads2]

Unica è un’ottima soluzione per tutti coloro che hanno già dei prestiti ma che ne necessitano di un ulteriore. Questa infatti permette di avere un nuovo prestito, pagando però una singola rata mensile. L’importo massimo da poter richiedere è di 30.000 euro e la rata mensile verrà calcolata sommando l’importo dei finanziamenti in corso.

Leggero è un prestito ideale per tutti coloro che vogliono adattarsi al pagamento di una rata mensile, questo infatti permette di pagare per i primi 12 mesi una mini rata e di scegliere al termine di questo primo anno, l’importo da pagare. E’ possibile ottenere prestiti di massimo 25.000 euro.

Jump è infine il tipo di prestito grazie al quale una volta ogni anno, fino ad un massimo di 5 volte in tutta la durata del finanziamento, è possibile saltare il pagamento di una rata senza avere dei costi aggiuntivi. Il pagamento saltato verrà rinviato a fine durata, ma sarà necessario notificare che quel mese verrà saltato. L’importo massimo da poter ottenere è di 30.000 euro.

Oltre ai prestiti personali qui sopra citati, Compass permette anche di ottenere un prestito Finalizzato, ossia un prestito da ottenere per l’acquisto di un determinato prodotto o servizio. Questo è possibile grazie alla convenzione con diversi esercizi, tra cui ad esempio rivenditori di Auto, Moto, Cellulari, ma anche cure mediche e polizze assicurative.

Come pagare il prestito Compass?

La rata mensile del proprio prestito Compass, può essere detratta direttamente dal proprio conto corrente oppure saldata tramite Bollettino Postale.

[ads2]

I clienti consigliano Compass?

Compass risulta ad oggi essere una delle società di erogazione di prestiti più conosciute e con il maggior numero di clienti. Questi si ritengono soddisfatti non solo dalla velocità con cui ottengono il prestito, ma anche dalle tante opzioni che permettono di personalizzare al meglio le offerte ed adattarle alla propria famiglia.

Non attendere oltre! Regalati i tuoi Sogni: Richiedi Adesso un Preventivo Compass!

Il servizio clienti ed i consulenti sono inoltre sempre disponibili a fornire qualsiasi spiegazione ed aiutarvi nello scegliere il tipo di prestito più adatto a voi.

Prestito sociale Coop

Recensione Prestito Sociale Coop

Se avete sentito parlare di prestito sociale Coop, di sicuro vorrete avere delle informazioni in più in merito. Ecco, quindi, che andremo a specificare di cosa si tratta e come si struttura questo particolare prestito concesso da Coop.

In quali casi conviene chiedere questo prestito sociale e in quali, invece, è meglio preferire altri prodotti. Per rispondere a queste domande, andiamo a fare il punto della situazione.

Prestito sociale Coop: cos’è?

Potrebbe sembrare strano che una società che opera nella grande distribuzione, come Coop, si interessi di prodotti finanziari, eppure questo non è un caso isolato, anche se è quello di cui parleremo approfonditamente in questa occasione.

[ads1]

Iniziamo con il sottolineare che il prestito sociale Coop altro non è che un libretto di risparmio. Una delle conditio sine qua non è che chi richiede suddetto aiuto deve, necessariamente, essere socio di Coop Alleanza, altrimenti non si può effettuare neppure la richiesta, oltre a non poter ricevere il prestito.

Trattandosi di un libretto di risparmio, i titolari potranno depositare sullo stesso i propri risparmi, andando così a maturare un rendimento sul capitale versato.

Alla luce di quanto detto, quindi, si può dire che siamo dinanzi  un esempio di conto deposito parzialmente vincolato dato che, dopo aver depositato le somme in questione, queste non sono momentaneamente disponibili e non possono essere prelevate dal proprietario del conto.

O meglio, non lo sono completamente. Questo passaggio è abbastanza intricato e possiamo semplificare dicendo che le somme versate sul conto di cui si parla sono sì prelevabili, ma solo ed esclusivamente dopo aver inoltrato una specifica richiesta alla Cooperativa.

Entro e non oltre le 24 ore che precedono il prelievo che si desidera fare, si deve inoltrare una richiesta, specificando la data e l’importo che si desidera ottenere: senza il benestare della Coop non si potrà procedere con il prelievo delle somme che si vogliono avere a propria disposizione.

[ads2]

Possiamo quindi dire che una delle caratteristiche principali di questo libretto di risparmio Coop è che è necessaria una autorizzazione al prelievo, che deve essere prenotato. Come? Lo vediamo immediatamente.

Per prenotare il prelievo delle somme ci sono diversi modi. Eccoli:

  • Si prenota presso gli sportelli del Prestito Sociale
  • Si prenota tramite email all’indirizzo prenotazione.prestitosoci@alleanza3-0.coop.it
  • Si prenota chiamando il numero verde 800 000 003
  • Si prenota online, direttamente nell’area riservata su quello che è il sito ufficiale di Coop Alleanza

Ma passiamo ad analizzare da vicino il prestito sociale Coop. Questo deve essere richiesto in una filiale fisica e non può essere effettuata una procedura online. Pertanto, ci si dovrà recare in uno dei tanti Punti Soci Coop presenti nei vari store e consegnare tutti i documenti richiesti. Vanno consegnati, nello specifico, i documenti di identità, il codice fiscale e la tessera socio Coop. A questo punto, poi dopo aver firmato il contratto, si andrà a effettuare il primo versamento che attiva il libretto.

Come si intuisce, si tratta di una sorta di autofinanziamento, piuttosto che di un prestito come siamo soliti intendere in senso stretto.

Interessi e costi di gestione del prestito sociale Coop

Iniziamo con il dire che non ci sono né costi di apertura né costi di gestione per chi decide di aprire il conto deposito Coop. Tuttavia, ci sono dei limiti: stando a quanto deciso dalla legge in materia, la massima giacenza non può superare i 36.500 euro e non si possono versare più di 2.999 euro a settimana. Per quel che concerne gli interessi, apriamo un’apposita parentesi.

Innanzitutto, l’interesse si calcola in base a degli scaglioni. Questo significa che entro alcune cifre ci sono degli interessi e quando le si supera che ne sono altri.

Nello specifico:

  • Per i depositi fino a 6.000 euro, si ha un interesse lordo pari all’1,30%, che è pari a un interesse netto dello 0,06%
  • Per i depositi che vanno dai 6.000 ai 12.000 euro c’è un interesse lordo dello 0,60%, netto dello 0,44%
  • Per i depositi superiori ai 12.000 euro l’interesse è dello 0,20%, netto dello 0,15%

Pro e contro del prestito sociale Coop

Analizziamo, quindi, se si tratta di un prestito che vale la pena richiedere o meno. Di sicuro, come per ogni cosa, ci sono dei pro e dei contro. Sebbene si tratti di un prodotto molto apprezzato, anche perché la garanzia Coop è sempre ben vista da molti risparmiatori, il preavviso per il prelievo potrebbe essere un contro.

[ads2]

Il preavviso deve essere dato almeno due giorni prima e può essere un freno. Tuttavia, basta capire come funziona e il gioco è fatto.

Piccolo prestito INPDAP: Guida e Info Utili

Piccolo Prestito Inpdap

Se si è alla ricerca di un piccolo prestito INPDAP è utile fare qualche precisazione, in modo tale da avere le idee chiare su quanto si può ottenere, quali sono i termini di restituzione e molto altro ancora. Facendo il punto della situazione, si deve iniziare con il fare delle premesse, che sono sempre molto importanti.

Piccolo prestito INPDAP: qualche precisazione

La prima cosa che si deve sottolineare è che l’INPDAP concede a dipendenti e pensionati pubblici dei prestiti personali di piccola entità, in modo tale da aiutarli a fronteggiare delle spese improvvise o dei casi di bisogno. Pertanto, se si rientra in una delle due categorie di cui sopra, si può richiedere un piccolo prestito INPDAP per avere la necessaria liquidità.

[ads1]

Quando si parla di questo particolare tipo di prestito, in realtà si intende quello che viene definito Piccolo Prestito Gestione Pubblica ex INPDAP. Come si nota, nella dicitura c’è un ex: questo perché, a partire dal giorno 1° gennaio 2012, l’istituto previdenziale in  questione è stato formalmente soppresso ed è stato contestualmente assorbito dall’INPS.

Ecco, quindi, che la dicitura corretta è quella di Piccoli Prestiti Gestione Pubblica erogati dall’INPS Gestione Dipendenti Pubblici. In ogni caso, la sostanza non cambia di certo.

Si tratta sempre di un prodotto creditizio pensato per venire incontro a determinate esigenze dei lavoratori o pensionati del settore pubblico che, quindi, risultano formalmente e regolarmente iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, ossia quello che si chiama anche Fondo Credito.

Come chiedere un piccolo prestito INPDAP?

Per richiedere un prestito di questo tipo, come detto, si deve essere lavoratori o pensionati del settore pubblico. La somma richiedibile non è tanto alta e, infatti, si parla di piccolo prestito personale e non di cifre enormi.

Per inoltrare la domanda è sufficiente operare tramite via telematica. Si deve, quindi, entrare sul sito ufficiale INPS e di deve fare accesso all’area riservata, inserendo il proprio codice PIN.

[ads2]

In questo modo, si procede inoltrando la propria richiesta. La concessione del prestito viene legata a quella che è la disponibilità del Fondo Credito. Per sapere se l’istanza è stata, o meno, approvata sarà sufficiente far riferimento sempre alla medesima area personale.

Una volta accettata la domanda, quali sono i tempi di erogazione del prestito? Solitamente, la somma accordata viene erogata entro 60 giorni dalla domanda. Tuttavia, di regola, l’attesa è molto inferiore e si attesta attorno alle 2 settimane circa (14 giorni in media).

Modalità di rimborso e tassi di interesse

Trattandosi di prestiti riservati a talune categorie, sono abbastanza convenienti anche i metodi di rimborso e i tassi di interesse. Chi richiede un piccolo prestito INPDAP, quindi, può usufruire di modalità del rimborso comode. Si parla di un piano di ammortamento che prevede da un minimo di 12 a un massimo di 48 mensilità.

Va da sé che, nonostante la convenienza e le tante agevolazioni, ogni rata prevede anche il pagamento, oltre alla somma dovuta per il rimborso del capitale che si è avuto in prestito, anche dei tassi di interesse. Qui si deve aprire un discorso a parte. Il tasso di interesse in questo caso è di tipo fisso e ingloba tre differenti aliquote.

La prima è il tasso di interesse nominale annuo (TAN) che è del 4,25%, la seconda è quella delle cosiddette spese amministrative (0,50%). A ciò si somma una particolare aliquota che varia in base all’età del richiedente, alla durata del prestito eccetera.

Quanto si può chiedere? Dipende, anche in questo caso, da alcuni fattori: durata del rimborso, stipendio o pensione del richiedente. Quello che, invece, è fisso è il metodo di rimborso.

Un prestito di questo tipo, infatti si rimborsa solo attraverso cessione del quinto, che sia dello stipendio o della pensione, in base al richiedente. Quindi, le rate si pagano direttamente in busta paga o tramite l’assegno di pensione. In questo modo, l’importo della rata non potrà mai superare 1/5 del totale della busta paga o della pensione e questo funge da tetto massimo.

Facciamo qualche esempio. Se si sceglie di rimborsare il tutto in 12 rate (prestito annuale), si potrebbe ottenere un prestito pari a una mensilità netta media calcolata in base a stipendio o pensione.

Se non si hanno altri prestiti aperti, allora si può arrivare anche a un totale pari a due mensilità. Il medesimo criterio viene usato anche per i rimborsi in 24, 36 oppure 48 mesi.

[ads2]

È utile, infine, sapere che si può estinguere anticipatamente un piccolo prestito INPDAP. Come? Al fine di andare a effettuare quella che sarà la restituzione anticipata di tal tipo di prestito, sarà necessario accedere all’area riservata che si trova sempre sul sito ufficiale dell’INPS ed entrare nell’apposita sezione Servizi Gestione Dipendenti Pubblici (ex Inpdap), selezionando la voce “Prestiti – Domanda anticipata estinzione”.

Prestito BNL: alla scoperta della convenienza

Recensione prestito BNL

Molteplici sono i motivi che spingono le persone a richiedere un prestito, l’acquisto di una macchina ad esempio, e per permettere ciò numerose banche concedono prestiti convenienti e talvolta personalizzati. In quest’articolo recensiremo le principali offerte in merito all’argomento prestito, rese possibili al pubblico dalla banca BNL.

Prima di recensire i prodotti, è fondamentale sapere cosa s’intende per prestito. Quest’ultimo è un finanziamento, a tasso fisso o variabile, concesso da un’azienda ad esempio la banca, e che il debitore deve restituite secondo le modalità riportate sul contratto.

BNL, fondata nel 1913, è considerata la banca leader in Europa e consta di circa 1000 punti vendita sparsi per tutta l’Italia. Dal 2006 quest’azienda fa parte del circuito del Gruppo BNP Paribas, una delle banche più importanti del mondo.

[ads1]

I prestiti concessi da BNL, sono per qualsiasi persona, e si dividono in molteplici categorie in base al destinatario.

Prestiti personali BNL

  • BNL in Novo prestito a tasso fisso: è una tipologia di prestiti che grazie al tasso fisso garantisce tranquillità a coloro che lo scelgono. Inoltre permette di pagare in più rate grazie all’opzione Flexi. La flessibilità di questo prestito sta nel fatto che offre l’opportunità d’interrompere il pagamento di una rata dopo circa 12 mesi. L’importo erogabile dalla banca è di massimo 100.000 euro da rimborsare in un massimo di 120 mesi.
  • BNL in Novo prestito a tasso variabile: prestito adatto a tutti coloro che vanno di pari passo con il trend di mercato. Ha una durata di circa 120 mesi e concede fino a 100.000 euro.
  • BNL in Novo prestito a tasso variabile con CAP: anche in questo caso il prestito è ideale per chi vuole godere dei vantaggi messi a disposizione dal trend di mercato; inoltre con l’aggiunta dell’opzione CAP si evitano eventuali aumenti del tasso, quest’ultimo non potrà superare la soglia indicata nel contatto. Questo prestito ha una durata massima di 120 mesi e concede fino a 100.000 euro.

Per tutti i pensionati e per i lavoratori pubblici e statali

  • Prestito BNL dipendenti pubblici: prestito che risponde alle esigenze di tutti coloro che rientrano in queste categorie ed eroga una somma pari a 100.000 euro dando la possibilità di pagare in comode rate in un massimo di 120 mesi. Anche per questo tipo di prestito è presente l’opzione Flexi.

[ads2]

Per gli studenti che sono alle prese con l’università oppure con i master, la banca BNL ha ideato dei prestiti indirizzati al pagamento dei percorsi di studi.

  • BNL scuola più: finanziamento per corsi di teatro, lingue straniere, percorsi formativi e per l’acquisto ti qualsiasi strumento dittico, concede una somma di denaro che va da 500 euro a 3.000 euro. Il pagamento deve avvenire in circa 12 mesi.
  • Prestito BNL futuriamo: pagamento a tasso fisso che offre importi fino a 120.000 euro con una durata di 120 mesi.
  • Prestito BNL sconto e lode: questo tipo di finanziamento muta in base alla media universitaria. Offre importi fino a 120.000 euro e la durata è pari a 120 mesi.

Finanziamento BNL Green Famiglie: l’azienda offre la possibilità, a tutte le famiglie che decidono di scegliere questa tipologia di prestito, di godere di una somma di denaro per l’efficientamto energetico. Le famiglie godranno di una consulenza gratuita direttamente presso il loro edificio e di circa 100.000 euro da pagare in 120 mesi.

[ads2]

Prestito per il sociale

Questa è un’iniziativa nata per incentivare le adozioni, in associazione con l’organizzazione ‘Associazione amici dei bambini’, è un prestito a tasso fisso da portate a termine in 120 mesi.. Per la richiesta è necessario un documento di riconoscimento e dell’attestato di reddito.

Prestito per lo sport

Questa tipologia di prestito nasce per coloro che vogliono iscriversi in palestra e praticate una sana attività fisica. La banca offre fino a 3.000 euro da pagare in massimo 12 mesi.

Prestiti Agos Ducato: flessibilità e convenienza

Prestiti Agos Ducato

 

Agos Ducato, è un’azienda italiana che si occupa di finanziamenti, nacque nel 1987 con il nome di Agos Service e solo nel 2009 cambiò denominazione. La compagnia mette a disposizione delle somme di denaro attraverso una vasta gamma di finanziamenti.

Da sempre, l’azienda, si basa sulla efficacia, sull’efficienza e sulla trasparenza, grazie alle quali è diventata una delle migliori società finanziarie. In quest’articolo, recensiremo uno dei prodotti messi a disposizione da Agos Ducato, ossia i prestiti, però prima di entrare nello specifico, è opportuno sapere, in linea generale, cos’è il prestito.

Agos Ducato prestiti: cosa sono?

I prestiti concessi da Agos Ducato, per soddisfare i propri sogni, possono essere richiesti in maniera semplice e veloce. Il cliente, infatti, può richiedere una quota di denaro partendo da un minimo di 30.000 euro, ed è possibile ricevere tale finanziamento entro 48 ore dalla presa in consegna della richiesta.

[ads1]

Quali sono i prestiti concessi da Agos Ducato?

Duttilo è il prestito flessibile, concesso da Agos, che permette al consumatore di portare a termine le sue spese. L’importo che la compagnia concede con questo finanziamento va da un minimo di 2.750 euro ad un massimo di 30.000 euro. Con questo prestito è possibile usufruire di una serie di vantaggi, ad esempio saltare il pagamento di una rata, per un totale di 3 volte nell’arco dell’intero finanziamento; modificare il costo della rata da pagare, diminuendola o addirittura aumentandola, e in questo caso, per poter usufruire di tale vantaggio, bisogna comunicarlo circa 40 giorni prima dalla scadenza della rata alla quale s’intende apportare la modifica.

Per le giovani coppie, Agos, mette a disposizione una somma di denaro che permetterà loro di realizzare dei progetti ad esempio il viaggio di nozze, l’acquisto di un televisore, oppure l’arredamento per la propria casa. Agos, per questo prestito, concede un finanziamento fino a 30.000 euro, da rimborsare in piccole e comode rate mensili.

Per i giovani, che hanno bisogno di un aiuto economico per portare a termine i propri studi o per realizzare un progetto lavorativo, Agos, mette a disposizione una somma di denaro fino a 30.000 euro, da restituire in piccole rate, e inoltre consente anche di saltare, rinviare oppure modificare la quota da rimborsare, cambiando in questi casi la durata del prestito. Per usufruire di questo prestito, i documenti che vengono richiesti dalla filiale sono un documento di riconoscimento, codice fiscale, e un documento che ne attesta il reddito.

Per chi si trova di fronte ad una spesa, ma non ha le risorse finanziarie per affrontarla, o per realizzare rapidamente i propri progetti, Agos Ducato, mette a disposizione Piccoli Prestiti, facili da richiedere e ottenibili in circa 48 ore, con una somma di denaro da poter richiedere che generalmente arriva fino ad un massimo di 30.000 euro. Anche in questo caso è possibile apportare delle modifiche al rimborso, aumentando o diminuendo la durata della rateizzazione del prestito.

Con Prestiti Personali e Prestiti Flessibili, Agos, da vita ai tuoi progetti, infatti, è possibile richiedere fino a 30.000 euro , con un solo click e per tantissime finalità. Anche in questo caso, come per tutti i prestiti Agos, l’offerta è completamente personalizzabile.

[ads2]

Delegazione di pagamento, è un prestito che Agos Ducato, offre solo ai lavoratori dipendenti, e il rimborso avviene esclusivamente trattenendo la rata da quella che è la retribuzione.

Per cessione del quinto sia esso dello stipendio o della pensione, si intende un prestito il cui finanziamento non deve per forza prevedere l’acquisto. La concessione della somma di denaro ha una durata di circa 120 mesi, e anche in questo caso la restituzione della somma di denaro avviene per opera del datore di lavoro o l’ente addetto all’erogazione delle pensioni.

Come si può richiedere un prestito Agos e quali sono i documenti necessari?

E’ possibile richiedere un prestito Agos presso le filiali Agos più vicine alla propria abitazione, in maniera tale che il dipendente possa rispondere nel migliore dei modi alle vostre domande, ed elencare le caratteristiche del prestito scelto.

I documenti che servono per richiedere un prestito sono il documento di riconoscimento, il codice fiscale e il documento che ne attesta il reddito. Online, sul sito ufficiale, è inoltre presente una sezione, che consente al cliente di simulare, inserendo l’importo da finanziare, la rata del pagamento, in modo da avere una prima idea.

Com’è possibile rimborsare il prestito?

Al momento della stesura del contratto, è importante comunicare il modo con il quale avverrà il pagamento, circa il rimborso del finanziamento. Il cliente potrà scegliere se pagare con il bollettino postale oppure tramite conto corrente.

Quali sono le opinioni dei clienti sui prestiti Agos Ducato?

La maggior parte dei clienti che usufruiscono dei prestiti Agos, sono soddisfatti delle offerte disponibili, e soprattutto della rapidità con la quale è possibile ottenere il prestito, sempre in completa sicurezza.

[ads2]

I dipendenti di questa compagnia sono sempre cordiali e disponibili a qualsiasi circostanza. Inoltre, il preventivo che è possibile fare online, è ben organizzato ed accosta al meglio le varie offerte disponibili.

Prestiti Santander: vediamoci chiaro e scopriamo le offerte

Prestiti Santander

Santander, banca di credito nata nel 1989 in Spagna, grazie ai suoi molteplici servizi permette al cliente di realizzare a pieno i suoi progetti.

La banca è tra le prime nel settore finanziario, facente parte di un gruppo bancario che da più di 100 anni garantisce al consumatore una soluzione personalizzata e in massima discrezione. Inoltre, dà la possibilità al cliente non solo di scegliere il servizio che più rispetta le proprie esigenze, ma di proporre iniziative al fine di migliorare e di far elevare la performance dell’azienda stessa.

Tra i tanti servizi che la banca offre, vi sono anche i prestiti. E saranno proprio i Prestiti Santander, l’argomento di questo nuovo appuntamento, aiutandovi a capire se potranno essere adatti alle vostre esigenze e capacità di spesa.

[ads1]

Quali sono i prestiti concessi dalla banca?

I Prestiti commercializzati da Santander sono:

  • Prestito auto usata: prestito destinato ai lavoratori pubblici, ai privati e ai pensionati, per l’acquisto di auto usate. La banca eroga un finanziamento che va dai 3.000 ai 10.000 euro da pagare entro 12 o 72 mesi.
  • Prestito ristrutturazione (adatto per le opere di ristrutturazione di una casa o di un locale): per chi volesse, ristrutturate la propria casa oppure cambiare arredamento, la filiale offre un prestito da un minimo di 3.000 euro a un massimo di 10.000 euro da pagare entro 12 o 72 mesi. È valido per chi ha un’età compresa tra i 18 e gli 80 anni, inoltre i destinatari di tale prestito devono essere residenti in Italia. Il tasso annuo è pari al 5,55% e non vi sono spese d’istruttoria.
  • Prestito auto nuova: destinato a tutti quelli che hanno un’età che va dai 18 agli 80 anni, residenti in Italia, la filiale mette a disposizione una somma di denaro che va dai 3.000 a 10.000 euro da restituire entro 12 o 72 mesi. Il tasso annuo è del 6% e anche in questo caso non vi è alcun costo per quanto riguarda le spese d’istruttoria.
  • Prestiti per medici e personale sanitario: per chi è possessore di un conto corrente, ha un età compresa tra i 18 e gli 80 anni ed è residente in Italia, Santander, offre un prestito che va da 3.000 a 10.000 euro. Il tasso annuale è pari al 7% e non vi sono costi d’istruttoria.
  • Prestito per studenti: finanziamento che va da 3.000 a 10.000 con un tasso annuale pari a 7%.

Quali sono i documenti necessari per richiedere un prestito?

Per la banca è obbligatorio presentare una serie di documenti, i quali sono fondamentali ai fini del contratto, essi sono: documento di riconoscimento, tessera sanitaria, mentre chi lavora in proprio dovrà presentare l’ultimo modello unico, chi lavora nel pubblico le ultime due buste paga.

[ads2]

In assenza di uno di questi documenti, si consiglia di recuperarli al più presto e solo allora intraprendere l’iter burocratico.

Qual è l’iter che separa il cliente dal contratto?

Dopo aver inviato la domanda online, solo in caso di valutazione positiva sarà messo in contatto con la filiale.

Leggi anche:

Prestiti cambializzati: guida completa

Prestit Enpam

Cambiali: la guida definitiva

Da questo momento in poi saranno poste una serie di domande in merito al tipo di prestito desiderato, i costi extra e gli verranno fornite anche informazioni sul metodo e la tempistica in merito al pagamento.

Quali sono le opinioni dei clienti Santander?

Dopo un’accurata ricerca, si è costatato che l’opinione dei clienti che usufruiscono dei prestiti Santander è contrastante. Alcuni si lamentano dello scarso servizio di assistenza; altri invece ritengono che i tassi siano poco vantaggiosi.

[ads2]

Nonostante queste note negative, c’è anche chi spende una lancia a favore della banca, smentendo ogni lamentela e affermando di essere contenti dei prestiti. Quelli a favore, infatti, affermano che Santander è una delle poche banche che concede prestiti per qualsiasi occasione da pagare con rate comode e flessibili.

Prestiti Bancoposta: i finanziamenti di Poste Italiane

Prestiti Bancoposta

 

Poste Italiane è un’azienda Italiana nata nel 1862 ed offre ai cittadini una serie di servizi nell’ambito finanziario, assicurativo e mobile. La società concede anche i prestiti, finanziamenti che saranno restituiti tramite comode rate in aggiunta di un tasso d’interesse comunemente fisso.

Solitamente la durata dei servizi concessi dalla società va da 1 a 5 anni e il pagamento della somma di denaro avviene tramite l’utilizzo di bollettini postali.

Cos’è il prestito Bancoposta e come richiederlo?

Per realizzare i propri sogni e/o necessità, l’azienda Poste Italiane, mette a disposizione il prestito BancoPosta, il quale permette di chiedere una somma di denaro partendo da 3.000 fino a 30.000 euro, da rimborsare in comode rate, sempre rispettando le esigenze del consumatore, in un periodo che va dai 12 fino a 84 mesi.

[ads1]

Per usufruire di tale servizio, basta essere residenti in Italia e avere un reddito dimostrabile. Se si rientra in tale requisito, il passo successivo è quello di recarsi presso la filiale Posta Italiane e mostrare i seguenti documenti: attestato di riconoscimento, tessera sanitaria e documento che attesta il reddito.

Prima dell’approvazione di un prestito Bancoposta, saranno attivati dei controlli per valutare l’effettivo reddito del cliente per capire se sarà in grado di rimborsare il pagamento. Una volta accettata la richiesta, in base alla tipologia di contratto stipulato si può scegliere di ricevere l’acconto sul conto corrente Bancoposta, sulla PostePay, oppure ritirare i soldi direttamente allo sportello della banca.

Cos’è il prestito Bancoposta Flessibile e come si richiede?

Un altro servizio concesso dalla filiale Poste Italiane, è il prestito Bancoposta Flessibile, dedicato a chi è detentore di un libretto postale o per chi ha un conto Bancoposta.

Tale prestito è stato elaborato per soddisfare a pieno le richieste della clientela. Infatti, permette a chi richiede questo servizio, di apportare modifiche al proprio piano di rimborso, oppure a causa di un periodo di crisi economica, posticiparlo.

[ads2]

Il finanziamento Bancoposta Flessibile va da un importo pari a 3.000 euro fino a 30.000 euro, e in questo caso la durata del risarcimento va da un minimo di 12 fino ad un massimo di 108 mesi, per i titolari di un conto Bancoposta, oppure fino a 84 mesi per i possessori di un libretto postale.

Per richiedere questo servizio bisogna presentare all’ufficio postale i seguenti documenti: carta d’identità, libretto sanitario e documento di reddito.

Che cosa offre il prestito Bancoposta Consolidamento?

Prestito Bancoposta Consolidamento, è un servizio nato per i clienti che hanno bisogno di ricevere una somma di denaro maggiore e di usufruire del vantaggio di poter rimborsare tale finanziamento in una sola rata.

La filiale, per questo tipo di prestazione, concede un importo che va da un minimo di 30.000 euro fino a massimo di 50.000 euro. Il rimborso di tale liquidazione va da 24 fino a 96 mesi e avviene tramite bollettini postali.

Sei Cliente Poste? Potrebbero anche interessarti:

Saldo Postepay

Reclamo Poste 

Interessi libretto postale

Per richiedere questo finanziamento, bisogna mostrare all’ufficio banco posta una serie di documenti: carta d’identità, tessera sanitaria, documento che ne attesta il reddito. Inoltre, bisogna presentare anche i documenti riguardanti i conteggi dei prestiti che devono essere estinti.

Cosa offre il servizio prestito Bancoposta ristrutturazione casa?

Per chi volesse ristrutturare casa, può usufruire del servizio prestito Bancoposta ristrutturazione casa, servizio che concede una somma di denaro a tutti quelli che vogliono intraprendere opere di rinnovamento della propria abitazione. Il prestito permette di richiedere un importo da 10.000 a 60.000 euro, di ricevere tale somma di denaro sul proprio conto bancario e di rimborsare l’importo in rate mensili per un periodo che va da 36 a 120 mesi.

In questo caso, oltre alla documentazione di base ossia la carta d’identità, tessera sanitaria e il documento che ne attesta il reddito, bisogna consegnare anche i preventivi di spesa o il buono d’ordine.

Che cos’è il servizio Bancoposta acquisto casa?

Per l’acquisto di un immobile, si potrebbe richiedere il prestito Bancoposta acquisto casa. E’ un finanziamento ideale per l’acquisto di un locale che non per forza deve essere finalizzato all’abitazione.

Si può richiedere un importo che va dai 10.000 ai 60.000, somma di denaro che verrà rilasciata sul conto Bancoposta e che dovrà essere restituita in comode rate mensili per un periodo che va da 36 a 120 mesi.

I documenti necessari per richiedere il finanziamento sono gli stessi elencati per gli altri servizi, ma con l’aggiunta del documento che ne attesta l’acquisto dell’immobile.

Cosa s’intende per Mini prestito Bancoposta?

Mini prestito Bancoposta, è ideale per chi ama spendere, offrendo a questi la possibilità di farlo in completa libertà. I finanziamenti disponibili sono tre e vanno da 1.000 fino a 3.000 euro e per entrambi il rimorso deve entro 22 mesi. Per richiedere questo prestito, bisogna avere un’età compresa tra i 18 e i 70 anni, recarsi presso lo sportello Poste Italiane, compilare il giusto modulo e mostrare una serie di documenti che sono la carta d’identità, il tesserino sanitario e il documento di reddito.

Per gli stranieri invece, sono richiesti, in aggiunta a quelli appena elencati anche il passaporto, la carta di soggiorno in corso, documento che attesta la residenza in Italia da 12 mesi, per i lavoratori dipendenti, e da 36 per gli autonomi.

[ads2]

Infine, Poste Italiane, offre l’opportunità di richiedere una copertura assicurativa che permette al cliente di rimborsare i finanziamenti con tranquillità e di tutelarsi nei confronti di tutti quegli eventi che potrebbero ostacolare il pagamento della somma di denaro. In caso di incidete con conseguente invalidità superiore al 60%, questa possibilità provvede al rimborso della restante parte da restituire.

Prestiti Bancoposta: opinioni dei clienti e considerazione finali

Tante sono le recensioni presenti sul web in merito ai prestiti messi a disposizione da Poste Italiane, la maggior parte di queste sono positive attribuendo talvolta anche 5 stelle alla professionalità dei dipendenti e alle offerte personalizzate e adatte a qualsiasi evenienza.

Il nostro consiglio è quello di rivolgervi ai Prestiti Bancoposta se avete già in essere altri prodotti con Poste Italiani, e magari avete un rapporto di fiducia con l’Ufficio Postale che vi consentirà di ricevere il vostro finanziamento a condizioni convenienti.

Prestito Fiditalia: tante opportunità per autonomi e dipendenti

Fiditalia

 

Molte famiglie si ritrovano a chiedere dei prestiti agli istituti di credito per le tante spese in cui versano, molto spesso però le conoscenze sui principali creditori e sui prestiti stessi sono minime.

Per tale motivo qui di seguito ci occuperemo di recensire il prestito Fiditalia, nota società di credito con esperienza più che trentennale, che conta circa un milione di clienti e che eroga prestiti alle famiglie con offerte vantaggiose e personalizzate.

Chi può ottenere un prestito Fiditalia?

Il prestito Fiditalia è rivolto a cittadini con un’età compresa tra 18 e 72 anni che rientrano nelle categorie di lavoratori autonomi, dipendenti con contratto a tempo indeterminato o determinato, purché la durata totale del prestito non superi due volte la durata del contratto di lavoro.

[ads1]

Altro requisito fondamentale è quello di possedere un conto corrente.

Per ottenerlo bisogna presentare il proprio documento di identità in corso di validità, codice fiscale ed un documento che attesti il reddito.

Che tipi di prestito offre Fiditalia?

Multipremia è un particolare tipo di prestito che permette un abbassamento dell’importo della rata nel tempo, grazie alla diminuzione del tasso fino al 4,95%. La diminuzione del tasso è una sorta di premio che viene offerto a coloro che sono puntuali nei pagamenti. Multipremia permette di ottenere un prestito che va da 3.000 ad un massimo di 30.000 euro, la restituzione di questi avverrà in rate che vanno da 36, ad un massimo di 84 mesi. All’apertura del prestito, il TAN ha un valore massimo del 10,40%, ma con il tempo e con versamenti puntuali potrà scendere sino al 4,95%, il TAEG invece un massimo del 15,77% in cui sono comprese le spese di gestione. La revisione riguardante il tasso, verrà applicata ogni 48 mesi o ogni 24 mesi per prestiti con più di 48 rate.

[ads2]

Fidiamo è invece un prestito personale che permette al cliente di scegliere l’importo mensile da erogare, applicando in base all’importo, una variazione del TAEG, più sarà cospicuo l’importo mensile, più questo infatti sarà basso. E’ possibile richiedere prestiti che vanno da 3.000 a massimo 30.000 euro, con rate mensili da 24 ad 84 mesi. Il TAN è variabile ed ha un massimo del 10,90%, mentre il TAEG ha un massimo del 17,48%. La modalità di pagamento può avvenire tramite addebito sul conto corrente o tramite bollettino postale.

Unika è una modalità di prestito adatta a coloro che hanno già un finanziamento Fiditalia in corso di estinzione e vogliono richiedere una liquidità. Grazie a questa offerta, anche ottenendo un nuovo prestito, si potrà pagare una sola rata. L’importo da poter richiedere va da 3.000 a 30.000 euro, con rate per un tempo limite di 84 mesi. Il TAN massimo è del 9,90%, mentre il TAEG del 16,33%. Chi ha già un finanziamento e paga una rata mensile, può ottenere un secondo finanziamento, pagando un’unica rata costituita dalla somma delle due.

Interessi Fiditalia e costi?

In tutti e tre i tipi di prestiti, vi sono spese di istruttoria che variano in base all’importo richiesto ma che in qualsiasi caso non possono superare le 300 euro, un costo all’apertura di 16 euro relativo alla marca da bollo, 3 euro di spese per l’incasso della rata ed infine 1,20 per le spese dell’invio del rendiconto finanziario, da inviare annualmente.

[ads2]

Fiditalia è consigliata? Le opinioni dei clienti

La maggior parte dei clienti si ritiene soddisfatta dalla serietà dell’azienda, sempre puntuale e disponibile. Molti sono quelli che ritengono che la migliore offerta sia Unika, che ha facilitato i propri pagamenti.

Alcuni si lamentano invece dei tassi troppo alti se paragonati ad altre agenzie, ma in generale, quasi tutti coloro che hanno ottenuto un prestito consigliano di affidarsi a tale società per avere il proprio.