Home / Prestiti personali / Prestiti cambializzati: i prestiti con cambiali a rimborso

Prestiti cambializzati: i prestiti con cambiali a rimborso

Prestiti cambializzati

Quando si parla di prestiti cambializzati si intende quella particolare forma di prestito personale che viene rimborsato attraverso cambiali. Queste ultime, in pratica, altro non sono che le rate di un comune prestito personale e, in quanto tali, hanno una cadenza generalmente mensile. Sono le parti in causa che decidono le cadenze e se emettere o meno una cambiale unica, che solitamente è una cambiale agraria.

Sebbene si tratti di un prodotto finanziario legale e presente sul mercato, c’è da dire che, oggi come oggi, molti operatori come banche, finanziarie o enti creditizi di vario tipo, preferiscono non utilizzarlo, dato che ci sono in ballo delle cambiali. Tuttavia, esistono, quasi in tutte le città, delle  società finanziarie, talvolta anche piccole, che si sono specializzate proprio nella concessione di prestiti con cambiali e, pertanto, chi lo desidera, può rivolgersi proprio a queste ultime.

Il prestito personale a garanzia cambiaria

Questa tipologia, invece, è molto più diffuso, perché è veloce da ottenere.

 

 

Nello specifico altro non è che un prestito personale con annessa garanzia accessoria, che è la cambiale. Quest’ultima serve solo ed unicamente a recuperare la somma in caso di insolvenza.

Come ottenere un prestito cambializzato

A questo punto, non rimane che capire di come ottenere un prestito con cambiali. Naturalmente, si deve avere una garanzia altrimenti il prestito in questione non viene concesso. Valgono come garanzia il TFR per i lavoratori dipendenti, la polizza vita stipulata da almeno 2 anni, specialmente per lavoratori autonomi o liberi professionisti e, ancora, la presenza di un garante.

Leggi anche: 

Recensioni Prestiti personali

Crif servizi e moduli

Tasso legale aggiornato

Si badi bene che la presenza di una garanzia non è prescritta dalla legge, ma di solito il soggetto finanziatore la richiede, al fine di evitare eclatanti casi di insolvenza. C’è da dire, comunque, che già la cambiale di per sé ha un forte potere “rassicurante”, soprattutto alla luce di quello che comporta.

Caratteristiche di un prestito con cambiali

La prima cosa che si deve dire è che si tratta di un prodotto molto personalizzabile, che viene incontro alle esigenze di coloro i
quali, in linea teorica, non potrebbero ottenere diversamente un  prestito personale.

Escludendo la presenza delle cambiali, questa tipologia di prestito è del tutto simile a un normale prestito privato.

Ci sono, infatti, molte caratteristiche comuni. In primis, anche in questo caso c’è una cifra minima e una cifra massima accettabile e il quest’ultima verrà stabilita in base a quelle che sono le reali possibilità di rimborso del richiedente. Anche il prestito cambializzato, infatti, si basa su un piano di rientro del debito,Cambiale solo che in questo caso al posto della canonica rata mensile ci sono delle cambiali. Le garanzie ulteriori possono essere richieste anche in questo caso e servono come ulteriore tutela di chi concede la somma richiesta. Il piano di rientro, inoltre, ha una durata minima che va da 1 anno a 120 mesi. Infine, si deve notare che anche in questo caso c’è la possibilità di rimborso anticipato.

A tutto questo si deve aggiungere la firma delle cambiali che avviene nel momento stesso in cui si sottoscrive il contratto alla base del prestito. Ciascuna cambiale, che come detto è una sorta di rata, deve riportare sia l’importo da pagare ad ogni scadenza che gli eventuali interessi. Ogni cambiale, poi, viene consegnata al debitore pagante, che in questo modo ha la sua ricevuta.

Pro e Contro

Prestiti con cambialiDopo aver profilato il quadro generale, è importante andare a capire quali sono i vantaggi del prestito cambializzato e, successivamente, quali sono gli svantaggi dello stesso.

I vantaggi del prestito cambializzato

Tra i vantaggi dei finanziamenti cambializzati ne possiamo annoverare diversi. In primo luogo, è utile sottolineare che non è necessario il controllo nella banca dati, dato che si tratta di una operazione non segnalata. Questo significa che anche i protestati possono avere accesso a questo tipo di prestito. I finanziamenti con cambiali, infatti, sono pensati proprio per permettere a quelli che sono cattivi pagatori di ottenere una somma di denaro in prestito.

 

 

Pertanto, un ulteriore vantaggio è che, anche nel caso in cui si sia iscritti nelle cosiddette centrali rischi si può richiedere un finanziamento, sebbene solo e unicamente con la cambiale come strumento di rimborso. A differenza della cessione del quinto, questa operazione è meno onerosa e, pertanto, in alcuni casi è da preferire. Si tratta, inoltre, di un finanziamento con una maggiore elasticità: le rate possono essere ridotte con più facilità, semplicemente chiedendo alla società erogatrice del credito di cambiare l’importo della cambiale stessa. Questo tipo di rinnovo consente di allungare il prestito. Dato che la cambiale è la garanzia principale, si può chiedere tal tipo di prestito anche nel caso in cui non si abbia una busta paga.

Svantaggi

Ma accanto a questi vantaggi, ci sono alcuni svantaggi del prestito cambializzato che non possono non essere presi in considerazione. Il primo concerne proprio la cambiale stessa che, lo ricordiamo, altro non è che un titolo esecutivo che autorizza l’esecuzione forzata anche senza bisogno di provare l’esistenza del diritto.

Quando si parla di esecuzione forzata si intende, invece, un processo esecutivo il cui scopo è quello di sottrarre coattivamente al debitore i ben che fanno parte del suo patrimonio in modo tale da tramutarli nel denaro necessario per ottenere il rimborso.

Prestiti con cambiali: opinioni e considerazioni

Possiamo dire, in linea generale, che suddetto tipo di finanziamento è una valida alternativa per tutti coloro che non hanno altro modo per recuperare una somma di denaro in caso di necessità, per affrontare una spesa. Tuttavia, alla luce di quanto detto, va sconsigliato il ricorso a questa pratica quando possibile e, soprattutto, nel caso in cui si abbia una ulteriore possibilità di reperire fondi.

 

 

Altro punto sul quale fare molta attenzione riguarda la possibilità di truffa. Trattandosi di un settore in espansione, avviene sempre più spesso che questo tipo di prestiti possano essere richiesti anche online. In questo caso, si devono sempre tenere a mente queste regole.

La prima dice che non si devono mai anticipare le spese di consulenza o per l’avvio della pratica e la seconda è quella di evitare proposte poco chiare. Quando si parla di cambiali è sempre preferibile prendere tutte le informazioni in merito all’istituto che offre il prestito.

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *