Home / Documenti Imprese e professionisti / Lettera di incarico per la gestione delle prestazioni occasionali: la guida completa

Lettera di incarico per la gestione delle prestazioni occasionali: la guida completa

Lettera di incarico

Quando si parla di prestazioni occasionali, come ben sappiamo non si deve stipulare un contratto di lavoro. Tuttavia, sebbene non ci sia questa necessità, o meglio questo obbligo, è pur sempre importante andare quanto meno a redigere una lettera di incarico, che può risultare molto utile in tal senso.

Lo scopo di una lettera di incarico, sostanzialmente è quello di andare a individuare alcuni punti chiave di una determinata collaborazione lavorativa, che può anche non essere regolata da contratto.

Ecco, quindi, che con la lettera di incarico si vanno, innanzitutto, a individuare quelle che sono le parti in causa, ma non solo. In questo modo, infatti, si va anche a individuare in maniera chiara e inequivocabile quello che è l’oggetto della prestazione che si va a eseguire.

 

 

Vengono, inoltre, indicati il compenso lordo che si percepisce per la prestazione che viene dichiarata, nonché il riferimento a quelle che sono le normative in merito.

Entrando nello specifico, quindi, possiamo dire che questo tipo di lettera di incarico serve al fine di andare a specificare in maniera chiara, come detto precedentemente, il nomen iuris della collaborazione stessa.

In poche parole, serve per definire quello che è il rapporto di lavoro, specificando e garantendo che si tratta effettivamente di una collaborazione occasionale e non di altro. Nel caso, infatti, venga meno il concetto di occasionalità, infatti, è importante andare a stipulare un contratto.

Finché si rimane nell’ambito di una collaborazione meramente occasionale, che non è subordinata, che viene eseguita in autonomia senza tempi o vincoli, allora basta una lettera di incarico.

Abbiamo già detto che quest’ultima non è obbligatoria e che, pertanto, è a discrezione delle parti in causa redigerne o meno una. Nel caso si decida di farlo, e questo è auspicabile, è importante che vengano rispettati diversi punti.

Si devono, quindi, riferire i riferimenti di cui sopra. Ecco un breve elenco per ricapitolare.

  • Deve essere precisato che si tratta di una collaborazione occasionale, come sancito dall’articolo 2222 e successivi del Codice Civile;
  • devono essere indicati quelli che sono i riferimenti atti a individuare sia il collaboratore che il datore di lavoro;
  • deve essere specificato il compenso lordo;
  • devono essere specificate le modalità di esecuzione del compito.

Ovviamente, si richiede la duplice copia firmata a dovere.

 

 

In rete si trovano diversi fac simile lettera di incarico. Ve ne alleghiamo anche noi una reperita sul web, che potrete scaricare gratuitamente e visionare per trarre ispirazione per le vostre esigenze professionali legate alla regolamentazione dei vostri rapporti lavorativi.

Clicca qui e scarica

 

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *