Home / Documenti Imprese e professionisti / La Lettera di Credito: Cos’è e a cosa serve?

La Lettera di Credito: Cos’è e a cosa serve?

Lettera di credito

La Lettera di credito, che viene altresì detta di credito documentario, è un documento che contiene un solenne e inderogabile impegno preso da una banca emittente e da una banca confermante, che si impegnano, quindi, a effettuare una certa prestazione a favore di un venditore su ordine dell’acquirente.

Per verificare che tutto ciò accada, si deve presentare, entro una data prestabilita, una serie di documenti che devono rispettare i termini e le condizioni che vengono specificamente indicate nel credito stesso, nonché da quelle che sono le norme internazionali che sono state elaborate dalla Camera di Commercio Internazionale, che ha sede a Parigi.

 

 

In questo caso, siamo dinanzi a quella che viene definita come la forma di pagamento capace di dare maggiori tutele a entrambe le parti: sia venditore che compratore vengono, quindi, tutelati. In che modo?

Possiamo dire che il venditore è sicuro di ricevere quanto gli spetta, sempre se presenta tutti i documenti richiesti in regola ed entro i termini previsti, così come l’acquirente ha la sicurezza di avere ciò che gli spetta e di pagare solo nel caso in cui tutto sia in ordine, nel rispetto di quanto appena specificato.

Questo avviene perché una banca ha assunto l’impegno a onorare il credito, o a negoziarlo, e quindi, per l’acquirente ha la certezza che il pagamento avverrà solo dopo il controllo dei documenti.

Le fasi del credito documentario o della lettera di credito

Alla base di tutto, come si è capito, c’è un preventivo accordo tra le parti, che risulta fondamentale dato che va a stabilire in primis quelli che sono gli elementi essenziali alla base della lettera di credito, entro quando questa dovrà essere notificata al beneficiario o, anche, per vincolare la consegna della merce in questione alla ricezione della lettera in questione.

Tutto ciò deve essere definito con l’accordo preventivo, che deve essere il più possibile chiaro.

 

 

Dopo averlo fatto, il compratore incarica una banca. Nello specifico, accade che il compratore, alla luce di quanto stabilito nell’accordo di cui sopra, dà delle istruzioni alla propria banca affinché questa prepari, ed emetta, la lettera di credito a favore del beneficiario.

Naturalmente, la banca sarà disposta a emettere una lettera di credito solo nel caso in cui il compratore dimostri di poter ottemperare all’impegno economico e, pertanto, sia in grado di dare delle garanzie adeguate.

Si arriva, così, alla fase di emissione della lettera di credito, che è quel preciso momento in cui la banca, dietro spunta del compratore, emette il credito a favore del venditore.

A questo punto, quindi, si ha la notifica della lettera di credito che riceve la banca del venditore, che ha a sua volta il compito di avvisare quest’ultimo che il pagamento a suo favore è arrivato.

Ecco, quindi, che l’ente bancario manda al venditore una copia della lettera.

Quali problemi potrebbero esserci?

In una lettera di credito possono nascondersi delle insidie, con le quali si potrebbe avere a che fare. Ad esempio, può darsi che la lettera di credito non venga confermata da una banca italiana.

Con questo non si vuole dire che si tratti di qualcosa di non legittimo, ma solo che dover presentare tutta la documentazione necessaria a una banca estera, al fine di avviare la negoziazione, potrebbe non essere così semplice e lineare come, invece, avviene nel caso in cui entrambe le banche sono italiane.

In questi casi, ad esempio, può risultare difficile apportare delle modifiche ai documenti per renderli conformi a quanto richiesto.

Si deve fare presente anche che, talvolta, la lettera di credito prevede una somma che non viene espressa in euro.

Anche in questo caso, ci si trova dinanzi a una legittima scelta dell’importatore che deve essere presa in considerazione, dato che il cambio varia e potrebbe essere più o meno favorevole.

Un altro problema può essere dato da una data di scadenza troppo vicina: in questo caso, produrre tutta la documentazione richiesta risulta effettivamente un po’ più complicato rispetto a quando si hanno dei margini temporali più larghi.

Lettera di credito Fac Simile: un esempio concreto

 

 

Per i nostri lettori, qui si seguito vi alleghiamo un modello fac simile di lettera di credito, che potrete prendere come esempio per le vostre necessità.

Clicca qui e scarica

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *