Home / Documenti per il cittadino / Voltura acea energia: come farla senza errori

Voltura acea energia: come farla senza errori

Voltura acea energia

Trasferirsi da un’abitazione ad un’altra comporta una serie di incombenze burocratiche non indifferenti. Tra queste troviamo il passaggio di intestatario nel campo delle forniture di energia.

Chi si trasferisce in un’abitazione che era abitata da un’altra persona e desidera intestare a proprio nome il contratto di luce o gas deve mettere in atto una procedura che prende il nome di voltura.

Come nel caso della Voltura Telecom, che abbiamo visto in occasione di un altro appuntamento, anche in questo caso si tratta di intestare al nome del nuovo inquilino un contratto luce o gas che al momento del trasferimento di trova intestato all’inquilino precedente dell’abitazione.

 

 

Nel nostro articolo ci concentriamo in particolare sulla voltura Acea Energia. Come si fa? Quanto costa? Lo vediamo nei paragrafi seguenti.

Costo e procedura voltura Acea energia

Come abbiamo anticipato la voltura costituisce il cambio dell’intestatario del contratto per la fornitura della luce oppure di gas che attualmente è attiva. Questo passaggio comporta il dover sottoscrivere una contratto ex novo per l’utente e la conseguente adesione ad una nuova tariffa contrattuale.

Nel caso di voltura con Acea Energia come comportarsi? Innanzitutto è bene fare una precisazione, distinguendo tra voltura e subentro. Se il primo intestatario della fornitura non ha ancora chiuso il contratto, allora si parla di voltura: questo passaggio comporta l’effettivo cambiamento di intestatario, permettendo il rapido cambiamento di contraente senza che la fornitura stessa venga interrotta e debba essere riattivata.

 

 

Invece, qualora il precedente inquilino avesse già fermato l’erogazione di energia elettrica o gas con Acea (e non solo), allora il nuovo arrivato deve effettuare un’operazione di subentro. Essa prevede la riapertura dell’erogazione e la stipulazione di un nuovo contratto, poiché il contatore è già staccato.

Da un punto di vista economico per l’utente non vi sono grandi differenze, tuttavia è bene specificare adeguatamente la pratica di cui si necessita al momento della richiesta al fornitore, perché per Acea la distinzione è importante.

Ovviamente, sebbene il costo sia simile, cambiano i tempi: una voltura è più rapida, in quanto non prevede interruzioni nè nuovi allacciamenti.

Documentazione per effettuare la voltura con Acea Energia

Entriamo ora nel vivo del nostro articolo: come fare una voltura con Acea Energia? Per effettuare la voltura con questo fornitore, sia sul mercato libero che in regime di maggior tutela, l’utente ha bisogno di tenere a portata di mano alcuni dati. In primis il codice Pod, il quale è un numero a 14 cifre unito al contratto di fornitura da attivare.

Tale sequenza numerica si può trovare nella prima pagina della bolletta del precedente intestatario oppure su un cartellino appeso al contatore. L’utente deve inoltre avere con sé il proprio codice fiscale e la lettura aggiornata del contatore.

Leggi anche –> Reclamo Vodafone

Con Acea energia nell’ambito del libero mercato si può eseguire la procedura online, accedendo direttamente al sito web www.aceaenergia.it .

Qui basta inserire il codice Pod relativo alla fornitura di energia elettrica che si desidera intestare a proprio nome, in quanto nuovo inquilino.

Nel caso della fornitura del gas, invece, bisogna procurarsi un altro codice, ossia il Pdr. Anch’esso è un codice a 14 cifre che si può trovare sulla bolletta del gas o appeso al contatore. I dati appena citati sono indispensabili per fornire al distributore di corrente elettrica o gas le informazioni per avviare la procedura: il sistema automaticamente avvierà la richiesta di voltura.

Attenzione: è davvero importante registrare la lettura del contatore, che poi va inserita nel modulo online o su quello cartaceo.

Il cliente che attiva il servizio, sia come voltura che come subentro, può scegliere se avviare la voltura telematicamente o con strumenti cartacei: quindi è possibile decidere se accedere all’Area Clienti Acea Energia, dove il sistema individua in automatico la richiesta adatta alle esigenze del compilante, oppure se parlare al telefono con un operatore Acea, il quale è disponibile a fornire tutte le informazioni utili al passaggio di intestatario della fornitura. I numeri verdi si trovano sul sito web ufficiale di Acea Energia.

Sinora abbiamo visto il passaggio con Acea Energia nel libero mercato. Nel caso invece si volesse procedere con una voltura con Acea nel servizio di tutela, e non nel libero mercato, per la voltura è necessario parlare con un operatore Acea, sempre disponibile per ogni evenienza, e scaricare gli appositi moduli.

Tali moduli, disponibili online, vanno compilati adeguatamente e inviati via fax (il numero si trova sul modulo stesso). Infine bisogna scaricare i moduli inerenti ai dati catastali Acea, che vanno allegati ai moduli da inviare.

Una volta ricevuta la documentazione, sarà Acea Energia a richiedere al Distributore l’attivazione di un nuovo contratto intestato al nuovo Cliente, al quale non verrà addebitato alcun costo per l’operazione.

Voltura Acea: costi

Per quanto riguarda invece il costo della voltura Acea Energia, la cifra viene fissata direttamente dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico (AEEGSI).

Vi sono diverse opzioni di spesa: In particolare per gli oneri amministrativi si spendono 27,52 euro, a cui va sommato un contributo fisso che ammonta a 23,00 euro e infine bisogna pagare euro 14,62 di imposta di bollo. Con la voltura Acea in maggior tutela  il costo è pari a 65,14 euro. Bisogna tenere presente che Acea può pretendere un ulteriore deposito cauzionale ai clienti che hanno deciso di optare per i pagamenti delle bollette il bollettino postale piuttosto che l’addebito con rid bancario.

Inoltre se l’utente dichiara il bisogno di aumentare la potenza contrattuale, allora il costo della voltura viene aumentato di un ulteriore esborso commisurato alla nuova potenza che si vuole richiedere.

Acea Energia: conviene?

Ed ecco infine la domanda clou: Acea Energia è conveniente? Si tratta di una tra le principali compagnie fornitrici di energia elettrica e gas in Italia. Essa offre agli utenti tariffe per l’energia elettrica o il gas che consentono risparmi rispetto al servizio a maggior tutela. Inoltre i servizi aggiuntivi inclusi, stando alle opinioni dei fruitori del servizio, sono vantaggiosi.

Per citare alcuni esempi, Acea Unica per la luce offre un bonus di 220 kWh di energia elettrica annuale per sempre. Invece Acea Rapida Gas permette di usufruire di prezzi convenienti e quindi di risparmiare cifre non indifferenti in bolletta.

 

 

In ogni caso per capire se questo gestore fa al caso nostro bisogna sempre confrontare tutte le offerte disponibili sul mercato, in modo da capire quale sia l’opzione più vantaggiosa.

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *