Home / Documenti per il cittadino / Porto d’armi uso sportivo

Porto d’armi uso sportivo

Porto armi uso sportivo

Il porto d’armi per uso sportivo è molto diffuso perché sono molti coloro i quali praticano degli sport che richiedono delle armi. Pertanto, è necessario prendere il porto d’armi per poterli praticare e capire come fare risulta essere molto utile.

Come ottenere il porto d’armi uso sportivo?

Quando si ha intenzione di praticare uno sport che richiede l’utilizzo di armi è necessario ottenere il porto d’armi, seguendo tutto quello che è l’iter burocratico per farlo. Stando a quanto sancito dalla legge, per praticare sport come la caccia, il tiro a segno e molto altro ancora, si deve conoscere l’iter da seguire per il porto d’armi.

La prima cosa da fare, ancor prima di intraprendere il cammino burocratico che porta al porto d’armi, si deve andare dal proprio medico curante e richiedere un certificato di idoneità fisica e mentale. Sarà compito del dottore, infatti, accertare che chi vuole avanzare la richiesta stia bene, non faccia uso di sostanze stupefacenti o non abbia disturbi mentali. In tal caso, infatti, il porto d’armi non potrebbe essere rilasciato, per questioni di sicurezza.

Dopo aver ottenuto il certificato di cui sopra, ci si deve recare presso l’ufficio sanitario per ottenere il nullaosta che è necessario per proseguire l’iter.

 

 

A questo punto, quindi, ci si dovrà recare presso un poligono di tiro, facendo attenzione che sia iscritto all’Unione Italiana Tiro a Segno. Se non si ha nelle immediate vicinanze un poligono, allora ci si può recare preso una delle associazioni di tiro che fanno capo al Coni, in modo tale da sostenere un piccolo esame per testare la capacità di utilizzare le armi. Attenzione, perché chi ha svolto il servizio di leva non ha bisogno di questo passaggio che, quindi, può essere saltato. Tuttavia, anche in questo caso, pur saltando la prova pratica, sarà necessario presentare un certificato che attesti il congedo dalle forze armate.

Potrebbe interessarti anche: 

Nota di  debito 

Aliexpress affidabile

Dopo aver fatto tutto ciò, superato lo step dell’esame di tiro pratico, si dovrà andare presso la questura o un commissariato di Polizia, per compilare i moduli necessari per la richiesta vera e propria. Unitamente a questo step, dovrete anche pagare dei bollettini per proseguire con l’iter.

A questo punto, quindi, il proprio compito è finito, perché le autorità dovranno vagliare la richiesta, considerare se è tutto in regola. In caso affermativo, entro circa un paio di mesi viene concesso il porto d’armi. Questo significa che, da quel momento in poi, sarà possibile acquistare armi per uso sportivo e trasportarle con sé sul territorio nazionale.

Naturalmente, si deve sapere che non si possono trasportare quante munizioni si desidera, senza regole. C’è, infatti, un quantitativo non superabile.

Si ricordi, infine, che le regole cambiano molto spesso e, pertanto, risulta utile informarsi prima di iniziare tutto l’iter. Se si hanno dei dubbi, è bene chiedere alle forze dell’ordine.

 

 

Quanto dura il porto d’armi sportivo?

Questa tipologia di porto d’armi ha una validità di sei anni e, successivamente, andrà rinnovato. Decorso questo termine, quindi, se si è interessati a riattivare la validità del porto d’armi sportivo, si deve nuovamente presentare la medesima certificazione di cui sopra, eccezion fatta per la certificazione di idoneità al maneggio delle armi. Naturalmente, per ottenere in maniera tempestiva il rinnovo si consiglia di procedere con la presentazione della documentazione prima dello scadere del sesto anno.

Quanto costa un porto d’armi sportivo?

Questa è una domanda che in molti si pongono: quali sono i costi del porto d’armi sportivo? Risulta, quindi, utile cercare di farsi due conti. Iniziamo con il dire che la certificazione medica per l’idoneità psico fisica costa 14 euro, a questi si aggiunge il prezzo della marca da bollo, 38 euro per la dichiarazione del medico legale.

Quando ci si va a iscrivere presso una sezione di tiro a segno nazionale si pagano circa100 euro, più una marca da bollo del valore di 14, 62 euro.

 

 

Il costo di questa prima tranche di documenti è di circa 115 euro. A questi soldi si devono aggiungere il costo delle fototessere da allegare alla domanda (circa 5 euro), due marche da bollo da 16 euro da applicare sul libretto e sulla licenza e qualche altra spesa si deve mettere in conto.

In poche parole, il costo del porto d’armi sportivo si aggira attorno ai 200 euro.

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *