Home / Diritto Imprese e Professionisti / Conto deposito Findomestic, scopri offerte e condizioni

Conto deposito Findomestic, scopri offerte e condizioni

Conto deposito findomesticSe si è alla ricerca della migliore opzione possibile, non si può non prendere in considerazione il conto deposito Findomestic. Di cosa si tratta, cosa offre e quali sono vantaggi?

Cerchiamo di rispondere nella maniera più puntuale possibile a tutti questi quesiti.

Solitamente, prima di optare per questa o quella soluzione, è utile fare un confronto tra varie proposte e scegliere quella migliore. Ecco, quindi, che andiamo ad analizzare il conto deposito Findomestic più da vicino, per scoprirne pro e contro.

 

 

Conto deposito Findomestic: caratteristiche principali

La prima cosa da sottolineare, prima di andare ad analizzare nel dettaglio il conto deposito, è che Findomestic fa capo al gruppo BNP Paribas. Nello specifico, si tratta di una banca che è nata nel 1984 e che, da quel momento, è un punto fermo nel settore del cosiddetto credito al consumo.

Si tratta, come si intuisce, di un istituto italiano nato prima sotto l’egida di vari gruppi bancari e, successivamente, acquistato da BNP Paribas nell’anno 2011.  Molti sono, ad oggi, i risparmiatori che amano scelgono questo istituto di credito al fine di ottenere sia mutui che prestiti personali, ma egualmente apprezzati sono anche i conti deposito proposti.

Ecco quello che Findomestic offre a tutti i risparmiatori. Vedremo nel dettaglio tutte le varie offerte attive per quel che concerne il conto deposito del gruppo.

Se si desidera aprire un conto deposito Findomestic, sarà utile sapere che tutte le operazioni per ottenerlo sono gratuite. Nessuna spesa di apertura, infatti, grava sul portafogli del risparmiatore che, quindi, potrà aprire il suo conto in maniera totalmente gratuita. Sono azzerate anche le spese di gestione, così come non si deve pagare neppure l’imposta di bollo per il primo anno.

Sarà la banca stessa ad accollarsi la spesa per l’acquisito cliente. Ricordiamo, infatti, che per depositi superiori a 5000 euro, l’imposta di bollo è obbligatoria, sempre nella misura del 2 per mille dell’importo.

 

 

Un conto molto vantaggioso, quindi, dato che si tratta di un qualcosa praticamente a costo zero, dato che non ci sono spese di apertura e/o mantenimento dello stesso.

Altro dettaglio da aggiungere è che le somme che vengono depositate sull’apposito conto di liberamente svincolabili quando si desidera: ciò significa che, nel caso di necessità, sarà possibile prelevare la somma che si desidera senza problemi, né alcun vincolo di sorta. Non si dovrà, quindi, corrispondere il pagamento di nessuna penale.

A questo punto, risulta indispensabile chiedersi come si apre il conto deposito Findomestic. Molto semplice anche questo, dato che si tratta di un conto apribile direttamente online, sul sito ufficiale del gruppo.

Basta collegarsi e compilare l’apposito form, allegando tutti i dati e i documenti che vengono richiesti. Il tutto, inoltre, viene facilitato dalla firma digitale, che permette di andare a completare la procedura anche senza l’invio cartaceo di tutta la documentazione che solitamente viene richiesta.

Il sito web di Findomestic, inoltre, è molto utile e ben strutturato. Per chi volesse controllare anche quello che è il guadagno effettivo legato al proprio conto, c’è un comodo simulatore, utilizzabile in maniera molto semplice e molto intuitiva. Findomestic, quindi, si conferma un gruppo bancario user friendly, che mira a facilitare la vita del risparmiatore.

Ecco, quindi, che dopo aver esplicitato tutto, è utile capire quali sono gli interessi del conto deposito Findomestic. Anche in questo caso, si ha un vantaggio abbastanza interessante. Findomestic, infatti, permette di maturare un tasso di interesse pari all’1,50% per somme fino a 10 mila euro e dell’1% per somme che superano suddetta soglia.

 

 

C’è un tetto massimo vincolabile, che è pari a 100 mila euro. Il tasso in questione è lordo e, pertanto, si deve sottrarre dalla somma la ritenuta sugli interessi, pari al 26%.

 

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *