Rendimax 2017: conviene il conto deposito di banca Ifis?

Rendimax opinioni

Quando si desidera proteggere i propri risparmi, investendoli, ad esempio, in un conto deposito, è utile conoscere quello che rispecchia più di tutti le proprie esigenze. Ci sono così tanti conti deposito e così tante soluzioni per investire i propri risparmi, che trovare quella più consona può risultare non poco faticoso.

Pertanto, per effettuare un’ottima scelta si deve scegliere una soluzione sicura, senza margini di rischio, capace di garantire protezione alle somme che verranno investite.

Un utile strumento in questo senso è, senza dubbio, il conto deposito Rendimax di Banca Ifis.

Banca Ifis: cosa dobbiamo sapere?

Quali sono le caratteristiche che rendono questo conto deposito un utile strumento per la protezione dei propri risparmi?

[ads1]

Prime di rispondere a questa domanda, è utile avere chiara la situazione sulla qualità e le garanzie date da Banca Ifis. Iniziamo con il dire che, nel nostro paese, Banca Ifis è il solo operatore indipendente specializzato che opera in quella che viene definita la filiera del credito commerciale, del credito finanziario e del credito fiscale.

Il gruppo nasce nel 1983 e, attualmente, è quotato in Borsa. Conta 700 impiegati e opera sia in Italia che su mercati esteri. Inoltre, la banca rientra nel

network FCI (Factors Chain International) e aderisce al FITD (Fondo Interbancario Tutela Depositi).

Nel segmento dei prodotti di risparmio ci è entrata da meno di un decennio (2008), ma ad oggi i risultati sono notevoli, tanto che nel 2012 è nato questo conto deposito Rendimax che è uno dei migliori in circolazione. Per essere precisi, al 30 giugno 2016, Banca Ifis ha fatto registrare un utile netto pari a 39,1 milioni di euro.

[ads2]

Conto deposito Rendimax: opinioni e recensione completa

Rendimax è il conto deposito ad alto rendimento proposto da Banca Ifis. Le principali peculiarità di questo conto sono la semplicità, il suo essere gratuito e il suo indirizzarsi sia a privati che ad aziende. In poche parole, questo conto ha delle caratteristiche che lo rendono unico e che sono sicurezza e rendimenti elevati.

Dai uno sguardo anche agli Interessi Libretto Postale di Poste Italiane

Apertura conto Rendimax

Vediamo, quindi, qual è la procedura da seguire per l’apertura del conto in questione. Procedere in tal senso è molto semplice e si può fare tutto online, direttamente sul sito Rendimax, o via telefono, grazie al servizio clienti della banca.

Per completare l’operazione sono necessari: i propri dati personali, ossia nome, cognome, codice fiscale e documento di identità, il codice IBAN del proprio conto, una copia del Documento di Identità e del Codice Fiscale in formato PDF.

Basta seguire il procedimento che viene spiegato passo dopo passo sul sito ufficiale per aprire il conto Rendimax. Il tutto, come detto, senza spendere un euro!

Le varie soluzioni

Per chi desidera aprire il proprio conto, esistono varie soluzioni, idonee per le più disparate esigenze. Esse sono:

  • Conto Rendimax Libero: che prevede un buon rendimento nonché la facoltà di scegliere tra diverse soluzioni. Si può anche richiedere la carta di pagamento! Nello specifico, questa soluzione offre degli interessi dello 0,75% lordi, che maturano di giorno in giorno e che sono accreditati con cadenza trimestrale posticipata. Si tratta della soluzione ideale per coloro i quali fanno continui movimenti con il proprio capitale e che hanno bisogno immediato di avere le somme depositate.
  • Conto Rendimax Like: questo è lo step successivo. Permette di avere il capitale sempre disponibile a chiamata nonché interessi pari all’1,05% lordi. Nel momento in cui servono le somme, basta chiederle e, dopo 33 giorni, verranno accreditate sul conto Rendimax Libero, il tutto senza perdere gli interessi. Il conto può essere aperto da tutte le persone fisiche e giuridiche, anche con un deposito di 1.000 euro.
  • Conto Rendimax Vincolato: in questo caso, il capitale è vincolato e lo si può fare molto semplicemente, accedendo dall’Area Riservata. Per questo conto, l’importo minimo è di 1.000€, il deposito massimo 5 anni e si possono avere fino a 20 vincoli diversi sullo stesso conto deposito. I tassi di interesse applicati aggiornati al 2017 sono:

12 mesi per avere l’ 1,50 %

18 mesi per l’ 1,75%

24 mesi (2 anni) – 2 %

36 mesi per avere il 2,15%

48 mesi per il 2,30%

60 mesi per il 2,60%

[ads2]

Come si nota, Banca Ifis desidera offrire il massimo ai propri clienti, proponendo loro tutte le soluzioni migliori per un risparmio custodito nel migliore dei modi!

Conto deposito Mediolanum

Recensione Conto Deposito Mediolanum

Se si è alla ricerca di una nuova soluzione per i propri risparmi, conto deposito Mediolanum potrebbe essere la soluzione migliore da scegliere. Vediamo, quindi, qual è l’offerta di questa banca.

Iniziamo con il dire che, tra i tanti prodotti offerti dalla Banca Mediolanum, il conto deposito è senza dubbio uno dei migliori, nonché più apprezzati.

Questo perché si tratta di un conto vantaggioso, offerto da una banca con una lunga tradizione, simbolo di sicurezza per i risparmiatori. La banca in questione nasce, infatti, nel 1982, grazie all’opera di Ennio Doris che decide di fondare Programma Italia S.p.A. con la partnership del Gruppo Fininvest.

[ads1]

Da quel momento, il progetto diventa realtà e, nel corso degli anni, si solidifica. A partire dal 2015, grazie alla fusione per incorporazione di Mediolanum S.p.A., questa diventa la capogruppo del Gruppo Mediolanum. Si tratta di una realtà quotata in Borsa.

Conto deposito Mediolanum: tutto quello che c’è da sapere

Il conto deposito Mediolanum è uno dei più apprezzati dai risparmiatori. Per capire quali sono le caratteristiche principali, facciamo il punto della situazione. Si tratta, senza dubbio, di uno dei prodotti principali offerti dalla banca in questione e questo perché moltissimi risparmiatori sono alla costante ricerca dello strumento di risparmio migliore.

Ecco, quindi, che il conto deposito offerto da Mediolanum è da tenere assolutamente in considerazione se si è alla ricerca del prodotto perfetto per conservare i propri risparmi.

Specifichiamo, innanzitutto, che il conto deposito Mediolanum base è libero. Nel caso in cui, invece, si desideri avere somme più importanti, maturando anche degli interessi più elevati, allora si deve scegliere di vincolare le somme depositate e questo sarà possibile grazie al conto inMediolanum vincolato.

Quest’ultimo si può aprire anche online, in maniera estremamente semplice e non prevede alcuna spesa di attivazione né di gestione o chiusura. In poche parole, sulle spalle del correntista che decide di ricorrere a questa soluzione c’è solo l’imposta di bollo.

Per quel che concerne il vincolo delle somme, se si sceglie questo speciale conto deposito Mediolanum, si può optare o per un periodo di 3 mesi o di 6, fino ad arrivare a un anno.

[ads2]

Come è facilmente intuibile, più aumenta la durata del vincolo e maggiore è il tasso di interesse riconosciuto, che risulta, quindi, essere direttamente proporzionale.

Man mano, quindi, si maturano gli interessi e questi ultimi verranno poi corrisposti a scadenza del vincolo se si è optato per la soluzione a tre mesi, mentre nel caso in cui ci si ritrovi dinanzi a vincoli di 6 e 12 mesi si possono avere degli anticipi trimestrali. Inoltre, è utile sapere che si può anche richiedere lo svincolo anticipato, sia totale che parziale, delle somme e in questo modo si ha un tasso di svincolo sulle somme che vengono prelevate.

Passando all’analisi del conto deposito inMediolanum senza vincolo, vediamo quali sono le caratteristiche principali. Anche in questo caso, non ci sono dei costi né di apertura, gestione e chiusura.

Come nell’altro caso, solo l’imposta di bollo è a carico del cliente. Il conto, così come quello appena presentato, è apribile direttamente online. Il tutto è semplice e veloce: basta compilare l’apposito form messo a disposizione. Si dovrà, poi. stampare il contratto e inviarlo alla banca, assieme a una fotocopia del proprio documento di identità.

Se non si vuole scegliere questa opzione, allora la possibilità è quella di rivolgersi a un Family Banker. Al fine di procedere con l’attivazione si deve fare un bonifico dal proprio conto corrente su quello InMediolanum.

Come detto, si tratta di un conto deposito non vincolato e, pertanto, le somme sono prelevabili in qualsiasi momento. Viene alimentato tramite bonifico bancario e non si deve necessariamente rispettare una giacenza minima. Tuttavia, c’è una giacenza massima che è di 3.000.000 euro.

[ads2]

Si tratta di conti deposito molto validi e tutti da scoprire. Decidere se optare per la formula base o per quella vincolata è una scelta personale, che ciascuno potrà fare in base a quelle che sono le proprie esigenze. In questo modo, ognuno può avere il prodotto finanziario su misura. Mediolanum è nota proprio per questo.

Conto Deposito Che Banca, affidabilità e convenienza

conto deposito che banca

In questo articolo vi presentiamo la recensione completa del Conto Deposito CheBanca, aiutandovi a valutare se questo tipo di prestazione può soddisfare le vostre esigenze, ma soprattutto far capire come si può guadagnare aprendo un conto del genere.

Il conto deposito CheBanca è considerato il protettore delle quote di denaro versate dai clienti, le quali matureranno nel tempo. Con questo conto il cliente può ricevere versamenti sia tramite bonifico, permessi in euro, che assegno circolare o bancario ed eseguire prelievi tramite la filiale CheBanca.

Il depositario può ottenere un interesse migliorativo rispetto a quello base, vincolando totalmente o in parte la somma di denaro depositata sul conto, a patto che tali somme rimangano depositate per il periodo stabilito dall’accordo.

 



Conto Deposito CheBanca ti paga gli interessi in anticipo! Clicca e fai richiesta di appuntamento!

Al momento dell’accordo la filiale offre al cliente un altro vantaggio, ossia mette a disposizione di quest’ultimo un importo in denaro pari a quello che si andrebbe a maturare alla fine del contratto. Tale conto è molto sicuro, infatti, per evitare che a causa delle crisi bancarie, la filiale non sia in grado di rimborsare il cliente, essa aderisce al Fondo Interbancario di tutela dei depositi, il quale assicura una protezione fino a 100.000 euro.

 

CheBanca! Quali sono i costi?

Per chi decide di affidare i propri risparmi a CheBanca!, e di usufruire degli innumerevoli vantaggi, deve essere a conoscenza delle condizioni economiche legate a essa. Per quanto riguarda le spese da erogare queste sono:

–        Apertura e chiusura: costo zero;

–        Versamenti: costo zero;

–        Prelevamenti su internet, in filiale o tramite il servizio clienti: costo zero;

–        Imposta di bollo: in base alla legge vigente, di circa 34, 20 euro all’anno;

–        Invio rendiconto a seguito della richiesta del depositario: costo zero;

Inoltre è opportuno conoscere la percentuale d’interessi aggiornati del conto CheBanca! sulle somme depositate :

–        Tasso base: 0,25%;

–        Tasso a 3 mesi: 0,50%;

–        Tasso a 6 mesi: 0,90%;

–        Tasso a 12 mesi: 0,90%

I tassi sono in vigore fino a nuova disposizione, e non appena il cliente decide il tempo di deposito della somma affidata, riceverà immediatamente degli interessi, e deciderà se depositarli per aumentare il proprio guadagno oppure spenderli.

Conto deposito CheBanca lancia quotidianamente nuove promozioni, a volte davvero convienienti, pertanto consigliamo di consultare spesso la sezione e verificare quale sia la promo attiva.

Altre informazioni utili da sapere per coloro che si accingono per la prima volta a usufruire del conto deposito CheBanca è che il versamento minimo iniziale è pari a 0 euro, mentre l’importo minimo vincolabile è di 100 euro. La giacenza massima del conto è di 3 milioni di euro. Inoltre, CheBanca permette un numero massimo d’intestatari pari a 2 e di conti d’appoggio diversi da quelli aperti presso questa filiale fino ad un massimo di 5.

Necessità di un conto deposito: scopri lo speciale Widiba Opinioni esclusive: ti conviene?

Novità – Conto Deposito Rendimax: è adatto a te?

Novità – Conto Corrente CheBanca: zero spese e zero costi!

Come aprire il conto deposito CheBanca?

Per aprire il conto è opportuno compilare una semplice richiesta online sul sito CheBanca, mentre se si è già clienti di questa filiale, è necessario eseguire il login nell’area clienti. Solo dopo aver ricevuto un email di conferma, si deciderà il tempo di deposito della somma ceduta.

Il contratto che il cliente fa con la filiale ha una durata indeterminata, egli può recedere da quest’ultimo da qualsiasi momento, senza dover pagare nulla e senza dover indicare il motivo di tale decisione. Tale atto può essere eseguito tramite una semplice comunicazione scritta e firmata dall’intestatario del conto e questo è valido nel momento in cui la banca prende atto di tale comunicazione.

La filiale, invece, può recedere dal contratto inviando una comunicazione al cliente circa 2 mesi prima, ed i tempi di chiusura del conto sono di circa 30 giorni. Il cliente può mettere in dubbio il comportamento della filiale e in tal caso rivolgersi all’ufficio reclami di CheBanca e solo in seguito, in caso di risposta poco soddisfacente, all’Arbitro Bancario Finanziario.

Conto deposito Chebanca: conviene?

Il conto deposito Chebanca, è ideale per tutti quelli che vogliono investire, guadagnare senza imbattersi in molteplici problemi,  è consigliato da molti e considerato lo strumento maggiormente apprezzato dalle famiglie italiane.


Apri Conto Corrente CheBanca! Scegli il regalo che vuoi tu Scopri la promo: apri il conto online per te un buono ePrice, Zalando o Stardust

Conto Deposito Widiba Opinioni 2017: opportunità made in Montepaschi

Widiba conto deposito

Widiba è una banca online del gruppo Monte dei Paschi di Siena,  oggi molto ricercata e che offre una serie di vantaggi in merito al conto deposito, tra cui soprattutto le zero spese.

Presenta una piattaforma online tramite la quale è possibile effettuare qualsiasi operazione bancaria 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, e vanta di ben 600 consulenti finanziari.  Widiba permette non solo l’apertura di un conto corrente, ma anche di un conto di deposito. Qui di seguito ci occuperemo della recensione del conto deposito Widiba e di tutto ciò che è correlato ad esso, con le nostre opinioni personali.

Il conto deposito Widiba è semplice da aprire e gestire, la procedura si effettua completamente online, permettendo all’utente di risparmiare tempo, servono pochissimi minuti ed il tutto si effettua via webcam.

Aprendo il conto corrente, il cliente può scegliere il proprio numero di conto ed  insieme al conto corrente è possibile scegliere  tra bancomat, prepagata o carta di credito con 3 differenti platfond: carta di credito Classic fino a 1.500 euro, Gold fino a 3.000 euro ed Oronero fino a 10.000 euro ma riservata ai clienti che interagiscono con i promotori finanziari della banca.

All’apertura del conto corrente Widiba, avrete anche gratuitamente un conto deposito per gestire i vostri risparmi. Il conto deposito può essere di due diverse modalità: la Linea Libera o La Linea Vincolata.

Quali sono le differenze tra la Linea Libera e la Linea Vincolata?

La Linea libera permette di guadagnare costantemente sui risparmi accreditando gli interessi ad ogni trimestre, mentre con la Linea Vincolata si sceglie una durata ed il guadagno varia in base a questa, ovviamente il guadagno sarà maggiore con una durata maggiore, in questo caso gli interessi vengono accreditati allo scadere del vincolo.

Con la Linea Libera i vostri risparmi saranno sempre disponibili, quindi utilizzabili, se invece avete deciso di vincolare i vostri risparmi, questi potranno essere svincolati senza costi in qualsiasi momento.

Lo svincolo può essere parziale, quindi di una sola parte dell’importo, o totale quindi dell’intero importo.

Per trasferire il denaro dal conto corrente al conto deposito Widiba, quindi alla linea libera di risparmio, i trasferimenti possono essere:
Singoli: per spostare l’importo quando si desidera
Periodici: scegliendo la periodicità  e l’importo da trasferire automaticamente
A soglia: scegliendo un minimo ed un massimo importo nel vostro conto corrente, quando questo raggiunge una di queste somme allora il denaro verrà automaticamente trasferito. Il trasferimento è gratuito, ed il tasso per la linea libera è dello 0,25%, mentre per la linea vincolata varia in base al vincolo, generalmente vi è il 2% annuo sui vincoli a 6 mesi.



Apri Conto Widiba Adesso! La Convenienza e la Serenità Di Avere un Conto a Zero Spese!

Entrambe le linee di deposito sono assicurate con una copertura fino a 100.000 euro.

Controllando il saldo della carta di credito, si vedranno due importi, il saldo contabile che comprende anche l’importo della vostra linea di deposito, libera o vincolata ed il saldo disponibile che è invece il denaro presente sul vostro conto e quindi quello effettivamente utilizzabile.

E’ possibile cointestare il conto corrente ad altri familiari?

Si, il conto corrente e conto di deposito Widiba può essere aperto ed cointestato fino a tre persone. La procedura è molto semplice e sempre completamente online.

C’è anche la possibilità di trasferire il proprio vecchio conto corrente in Widiba, trasferendo con questo anche tutti i servizi correlati come ad esempio l’accredito dello stipendio o pensione e il mutuo, anche in questo caso si tratta di pochi step e nel giro di circa 2 settimane il vecchio conto corrente sarà trasferito nel nuovo.

Il conto deposito generalmente è accreditato direttamente sul conto corrente e poi  trasferito alla Linea Vincolata o Libera del conto deposito Widiba,  se invece il conto deposito possiede un IBAN sarà necessario chiuderlo direttamente tramite la vecchia banca.

Widiba conto deposito: quali sono i costi?

Il conto deposito Widiba non ha nessun costo di apertura, ed anche il canone annuo è pari a zero. La carta di credito Classic è gratis, mentre vi è un costo di 12,50 euro trimestrali per le carte di credito Gold o Oro Nero.

Il bancomat è gratuito, così come la carta prepagata. I prelievi su ATM in Italia sono gratuiti, mentre all’estero hanno un costo di 2 euro, i bonifici sono gratuiti così come l’estratto conto digitale, incluse sono anche la posta elettronica certificata e la firma digitale, fondamentali per i servizi bancari e gli scambi di documenti tra cliente e banca o viceversa.

Sei alla ricerca di un conto deposito adatto alle tue esigenze? 

Consulta la nostra sezione dedicata alla Recensioni Conti Deposito

Rendimenti e offerte conto deposito Widiba MPS aggiornate

Per quanto riguarda i rendimenti di Widiba, segnaliamo la promozione valida fino al 31 Ottobre 2016, che vede assegnare un buono fino a 120 euro Amazon su vincoli a partitre da 6 mesi per coloro i quali aprano un nuovo conto deposito.

Questi invece i rendimenti senza promozioni in corso:

Linea libera: 0,10% lordo

Linea vincolata a 3 mesi: 0,8% lordo

Linea vincolata a 6 mesi: 1,00% lordo

Linea vincolata 12 mesi: 1,20% lordo

Linea vincolata 18 mesi: 1,40% lordo

Linea vincolata 24 mesi: 1,60% lordo

E’ possibile recedere dal contratto?

Si, il soggetto che ha stipulato un contratto con la banca ha la possibilità di recedere entro 14 giorni dalla stipula senza indicarne il motivo, comunicando il recesso alla Banca tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite PEC.

Trascorsi i 14 giorni, il cliente ha comunque il diritto di recesso inviando alla banca una comunicazione in forma scritta, senza penalità o spese.

Chi può avere un conto deposito Widiba?

Il conto è particolarmente indicato per i giovani e le famiglie, ma chiunque abbia un minimo di dimestichezza con il computer e con internet può usufruirne, dato che si tratta di un conto esclusivamente online.

Il tutto viene gestito accedendo alla propria pagina tramite il sito web ufficiale, o utilizzando l’app dal proprio smartphone.



Non attendere Oltre! Scegli Widiba Risparmia e Guadagna! Clicca Ora per un Preventiv0!

La sicurezza è garantita in quanto l’accesso al conto avviene tramite impronta digitale o password vocale, inoltre ogni operazione può essere effettuata in qualsiasi momento della giornata.

Per le tante caratteristiche, il conto deposito ed il conto corrente Widiba è vantaggioso e consigliato alla clientela, con lo strumento finanziario che si conferma essere davvero un positivo in termini di costi (praticamente zero, se escludiamo l’imposta di bollo) e benefici.

Il Momento è Adesso! Risparmia e Sottoscrivi un Conto Widiba! Clicca per un Preventivo senza Impegno!

Interessi Libretto Postale: vediamoci chiaro

Interessi libretto postale

Quali sono gli interessi di un libretto postale? Andiamo a vedere i dati aggiornati al 2016, in modo tale da sapere qual è il rendimento del libretto stesso.

Prima di entrare nel merito della questione, si deve ricordare che esistono varie tipologie di libretto postale: c’è quello nominativo ordinario, c’è quello Smart, quello pensato per i minori, quello al portatore e quello giudiziario. Ogni tipologia ha il suo rendimento e, pertanto, è utile conoscerli tutti.

Si deve precisare che al tasso lordo si deve detrarre la tassazione sugli interessi maturati, che è pari al 20% a partire dal 2014.

[ads1]

Il tasso netto, quindi, è più basso e a tutto ciò si deve anche unire l’imposta di bollo che è obbligatoria se c’è una giacenza di più di 5000 euro. Tutto questo, naturalmente, va tenuto in considerazione prima di aprire un libretto postale per gestire i propri risparmi.

Per chi non lo sapesse, l’imposta di bollo sul libretto postale, obbligatoria per tutti i prodotti finanziari, è pari a 34,20 euro.

Interessi 2017 libretto postale Aggiornati

Andiamo ad analizzare da vicino quello che è il rendimento di un libretto postale.

TipologiaRendimento Annuo Lordo
Libretto Nominativo Ordinario0,001% (0,007% netto)
Libretto Nominativo Smart0,001% (0,007% netto)
Libretto al portatore0,01%
Libretto per minorenni0,01%
Libretto giudiziario0,01%

Come detto in precedenza, dall’interesse lordo si deve sottrarre il 20% e anche l’eventuale marca da bollo, qualora sia richiesta, per ottenere l’interesse netto.

Quale conviene?

Si nota immediatamente che i libretti postali al portatore sono i meno convenienti, dato che si tratta di quelli che hanno maggiori restrizioni e più basso rendimento.

Nello specifico, negli ultimi anni, in conformità a quella che è la legge antiriciclaggio e in base a quelle che sono le peculiarità di questa forma di libretto, è stato fissato un limite massimo di giacenza, che non può superare i 999,99 euro. A ciò si deve unire anche un rendimento quasi inesistente, pari allo 0,01%.

I più vantaggiosi sono i libretti nominativi, che si distinguono tra Ordinario e Smart.

[ads2]

Nello specifico, i libretti nominativi ordinari hanno un tasso di rendimento che è dello 0,03%. Se si decide di convertire lo stesso in un libretto Smart, allora il rendimento sale.
Si tratta, tuttavia, di rendimenti molto bassi, quindi se si punta ad avere un vantaggio in questo senso, il libretto postale non è la soluzione ideale per far fruttare i vostri risparmi, ma vi consigliamo altri prodotti (su tutti Widiba), che potrete trovare nella nostra sezione recensioni Conti Deposito.