Home / Recensioni conti correnti / Conto Corrente Bancoposta: il conto corrente di Poste Italiane

Conto Corrente Bancoposta: il conto corrente di Poste Italiane

BancoPosta Logo

In questo articolo vi presentiamo una recensione completa sul Conto Corrente Bancoposta, aiutandovi a comprendere se può essere conveniente per voi e farvi risparmiare sulle spese.

Il Conto Corrente Bancoposta è il servizio di conto corrente di Poste Italiane: offre molteplici servizi tra cui la procedura d’incasso e la retribuzione.

Oggi, Poste Italiane, mette a disposizione Bancoposta Più, un conto corrente che permette di gestire e controllare le proprie finanze anche da casa. Si può richiedere tale servizio gratuitamente presso gli uffici postali e coloro che sottoscrivono il contratto avranno, compresa nel canone, la carta Postamat Maestro la quale permette l’opzione di prelievo presso gli sportelli automatici.

 

 

Carta Postamat Maestro: come risparmiare e azzerare il canone

Il canone della cara Postamat Maestro è di 48 euro l’anno, ovvero 4 euro al mese che verrà abolito se mensilmente si riceve un bonifico, stipendio o pensione pari a 700 euro e se si rientra in almeno due dei seguenti casi :

  • Se si è titolari di un mutuo BancoPosta;
  • Se si ha un secondo accredito di stipendio o pensione;
  • Se si utilizza uno dei prodotti carta di credito BancoPosta Più, Classica o Oro;
  • Se si è sottoscritta una polizza di vita con Poste Italiane;
  • Pagamento di un’utenza mediante addebito SEPA.

Stai valutando uno strumento di risparmio? Scopri lo “storico” Libretto Postale!

Conto BancoPosta Più e imposta di bollo

Oltre al canone annuo, è presente anche l’imposta di bollo pari a 34,20 euro, la quale non è prevista quando la giacenza annua non supera i 5.000 euro. Prima di aprire il conto corrente BancoPosta Più, è importante essere a conoscenza dei costi delle singole operazioni, in modo da valutarne la convenienza:

 

 
  • Accredito stipendio: gratuito;
  • Bonifico ricevuto: gratuito;
  • Versamento in filiale: gratuito;
  • Prelievo in filiale: gratuito;
  • Prelievo con bancomat dalla propria banca: gratuito;
  • Prelievo bancomat in un’altra banca: 1,75 euro;
  • Prelievo bancomat all’estero: 1,75 euro nell’area euro e 2.58 euro nell’area extra euro;
  • Pagamento con bancomat: gratuito;
  • Pagamento con assegno: 3,00 per un carnet di 20 assegni;
  • Bonifico online: 1 euro;
  • Bonifico in filiale: 3,50 euro;
  • Elenco movimento in filiale: 2 euro.
  • Spese di scrittura: gratuite

Conto BancoPosta e carta di credito: vi conviene?

Per quanto riguarda le carte di pagamento, mentre la Carta bancomat è gratuita, la Carta di credito costa 23,24 euro per la prima carta e circa 16 euro per ognicarta di credito bancoposta carta successiva.

Vi conviene se movimentate molte operazioni nel corso dell’anno, ma anche se avete bisogno del fido o ancora per frazionare spese particolarmente importanti nel corso dei mesi.

Il cliente può rinunciare al contratto in qualsiasi momento e ciò deve essere comunicato per iscritto a Poste Italiane. L’azienda può recedere dal contratto con un preavviso scritto non inferiore a due mesi, motivandone la causa che deve essere valida. In caso di chiusura del conto non ci sono spese da effettuare. Il conto viene chiuso entro 15 giorni dalla comunicazione e tale richiesta di chiusura del conto può essere presentata sia presso gli uffici postali che tramite raccomandata.

Conto corrente BancoPosta: opzioni e opinioni dei clienti

BancoPosta Più è consigliato a chiunque, ma in particolar modo a coloro che svolgono molte operazioni, mentre a coloro che effettuano poche operazioni si consiglia il conto corrente di base.

Il conto di Base BancoPosta Standard, prevede il pagamento di un canone pari a 30 euro e per i clienti appartenenti a classi sociali svantaggiate, con una situazione economica inferiore a 8.000 euro all’anno, il canone da pagare per il conto è gratis.

Potrebbe essere più conveniente: 

Conto corrente Widiba

Conto CheBanca con interessi anticipati!

Oltre al conto standard, è presente anche il conto di base Banco Posta per i pensionati, dedicato a coloro che ricevono una pensione annua fino a 18.000 euro. Tali clienti possono scegliere due diverse possibilità: la prima prevede il pagamento di un canone annuo pari a 24 euro avendo tra i servizi l’accredito della pensione, il pagamento con addebito, versamenti e prelievi; la seconda opzione prevede un canone annuo gratuito e i servizi come accredito della pensione, bonifici, pagamento e prelievo.

 

 

L’azienda Poste Italiane offre la possibilità ai nuclei familiari, che vogliono mettere a disposizione il proprio conto a tutti i componenti della famiglia, la cointestazione. E’ possibile accedere a tale servizio al momento dell’apertura del conto servendosi delle firme di tutti coloro che avranno libero accesso ai servizi bancari. E’ opportuno tener presente che per poter aprire un conto cointestato non è obbligatorio il legame di parentela, ma anche soci di un’azienda possono usufruire di tale servizio.

   

2 commenti

  1. Vorrei una consulenza per passare da conto bancario a banco posta, piu trasferimento mutuo

  2. Ho aperto 2 conti correnti piú una carta ricaricabile con iban.sconsiglio vivamente di aprire cc in posta.sará anche qualcosina piú conveniente della banca.ma vi assicuro che le incompetenze l’indisponibilitá degli impiegati compreso i direttori di filiale.superanodi gran lunga i benefici di un piccolo risparmio .io a fine anno chiudo tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *